Casi e sentenze di merito

Contratti bancari pendenti e procedura concordataria

27 Ottobre 2015 |

TRIBUNALE DI PRATO

Contratti bancari

Non può essere accolta l’istanza di autorizzazione allo scioglimento dei contratti bancari di anticipazione con mandato all’incasso e patto di compensazione o, eventualmente con cessione di crediti, non potendo gli istituiti bancari contraenti, una volta depositata la domanda di ammissione alla procedura di concordato e con effetto dalla pubblicazione della medesima, incamerare le somme versate da terzi a compensazione o a garanzia, di quanto anticipato, effetto che consegue alla cristallizzazione che si produce con la domanda di concordato ai sensi degli artt. 168 e 169 l. fall.

In caso di ammissione del debitore al concordato preventivo, la compensazione tra i suoi debiti ed i crediti da lui vantati nei confronti dei creditori postula, ai sensi dell'art. 56 l.fall. (richiamato dall'art. 169 della medesima legge), che i rispettivi crediti siano preesistenti all'apertura della procedura concorsuale; essa, pertanto, non può operare nell'ipotesi in cui il debitore abbia conferito ad una banca un mandato all'incasso di un proprio credito, attribuendole la facoltà di compensare il relativo importo con lo scoperto di un conto corrente da lui intrattenuto con la medesima banca.
 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >