Casi e sentenze di merito

I limiti in cui può dirsi "sdoganata" l'insolvenza prospettica

10 Ottobre 2019 |

Tribunale di Milano

Insolvenza
 

In base all'attuale legge fallimentare l’insolvenza che giustifica una declaratoria di fallimento deve essere attuale, e non semplicemente “prospettica”. È solo “prospettica” l’insolvenza che ancora non si sia verificata, ma di cui sia possibile prevedere l’insorgenza futura in un determinato arco temporale. Pertanto quando una società non abbia alcuna esposizione tributaria o previdenziale, funzioni regolarmente, non sia oggetto di iniziative esecutive o monitorie, appaia in grado di fornire i servizi propri della sua attività, né sia prevedibile che subentri a breve l’impossibilità di pagare i suoi debiti, non può essere dichiarata fallita.

Leggi dopo