Casi e sentenze di merito

Il deposito telematico della domanda di fallimento

23 Gennaio 2015 |

TRIBUNALE DI ROMA

Processo telematico
 

Il comma 3 dell’art. 16 - bis del D.l. 179/2012 (conv. con  modif.. L. 22/2012) stabilisce che nelle procedure concorsuali la disposizione relativa all’obbligo di deposito per via telematica è da riferirsi esclusivamente agli atti e documenti del curatore, del commissario giudiziale, del liquidatore, del commissario liquidatore e del commissario straordinario. Trattasi di una peculiare, e straordinaria, modalità di deposito avente ad oggetto i soli atti interni a processo già iniziato e pertanto è da escludersi che le parti possano determinare una valida instaurazione di rapporto con il giudice e con le altri parti attraverso il deposito telematico degli atti di costituzione: citazione, ricorso, domanda di risposta.

Leggi dopo