Focus

Bancarotta fraudolenta patrimoniale: i rapporti tra condotta distrattiva e dissesto dell’impresa

Sommario

Reati fallimentari e garanzie costituzionali: i principi di offensività e personalità della responsabilità | Le origini storiche del dibattito: dalla teoria monista alla teoria pluralista | La bancarotta fraudolenta patrimoniale come reato di pericolo: implicazioni in tema di collegamento eziologico e psichico tra condotta e fallimento | La funzione della sentenza di fallimento: le diverse ipotesi ricostruttive offerte dalla giurisprudenza tradizionale | Critiche all’impostazione tradizionale: la sentenza Corvetta | La giurisprudenza successiva alla pronuncia Corvetta; rilievi critici | In conclusione |

 

Il nostro ordinamento accoglie il principio di personalità della responsabilità penale, il quale trova la propria fonte nell’art. 27, commi 1 e 3, Cost., e richiede che tutti gli elementi che concorrono a contrassegnare il disvalore della fattispecie siano oggettivamente e soggettivamente collegati all’agente. Si tratta di una imprescindibile garanzia di libertà, che riconosce “al privato la certezza di libere scelte d’azione: cioè, che sarà chiamato a rispondere penalmente solo per azioni da lui controllabili e mai per comportamenti che solo fortuitamente producano conseguenze penalmente vietate”.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >