Focus

Composizione assistita della crisi e tempestività dell’iniziativa nel nuovo Codice della crisi

25 Luglio 2019 | Crisi d'impresa e insolvenza

Sommario

Premessa | La composizione assistita della crisi | La tempestività dell’iniziativa | Le misure premiali | Le misure protettive | Conclusioni |

 

A differenza della procedura di allerta che mira a rilevare tempestivamente la crisi dell’impresa e a trovare una soluzione interna a tale crisi, senza pertanto coinvolgere i creditori, l’istituto della composizione assistita della crisi presuppone un confronto del debitore con i creditori (tutti o parte di essi) nel tentativo di ricercare una soluzione concordata della crisi, grazie anche all'intervento dell'OCRI in qualità di “mediatore” sui generis tra le parti. Proprio al fine di incentivare il debitore ad avvalersi di tale procedura, sono previste apposite misure premiali (di natura patrimoniale e di natura penale) oltre ad alcune misure c.d. protettive finalizzate ad evitare che le trattative in corso e il possibile buon esito delle stesse possano essere vanificate dall'iniziativa isolata di uno o più creditori che non partecipano alle trattative.

Leggi dopo