Focus

Concordato: pagamento ai creditori privilegiati degradati con le risorse derivanti dalla continuità

Sommario

Premessa | La finanza esterna e il divieto di alterazione delle cause legittime di prelazione, richiami | Il concordato in continuità | La pronuncia del Tribunale di Milano | Le pronunce del Tribunale di Bergamo | La natura del credito prelatizio degradato, anche alla luce di quanto previsto dalla riforma | Conclusione |

 

Nell'ambito del concordato preventivo in continuità ci si è già interrogati in merito alla qualificazione da attribuirsi alle risorse derivanti dalla prosecuzione dell'attività, in relazione alla possibilità per la debitrice concordataria di avvalersi della facoltà prevista dall'articolo 160, secondo comma, l.f. di...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >