Focus

Early warning, allerta e probability of default nel nuovo Codice della crisi d’impresa

14 Maggio 2019 | Crisi d'impresa e insolvenza

Sommario

Premessa | L’ambito di applicazione della procedura di allerta | Gli indicatori della crisi | L’organismo di composizione della crisi di impresa (OCRI) | L’obbligo di segnalazione da parte degli organi di controllo e di revisione | L’obbligo di segnalazione dei creditori pubblici qualificati | L’allerta “interna” e il ruolo del debitore | Il procedimento di allerta davanti all’OCRI | Conclusioni | Guida all'approfondimento |

 

Il nuovo Codice della crisi e dell’insolvenza (CCI) definisce lo stato di crisi in termini di probabilità di futura insolvenza (c.d. probability of default). Per tale ragione, la corretta individuazione dello stato di crisi presuppone che i dati e le informazioni relative all’impresa non siano valutati ed analizzati unicamente in chiave storica, ma formino oggetto di un approccio prospettico necessariamente previsionale (forward-looking) in grado di cogliere tempestivamente i segnali di quella difficoltà economico e finanziaria che, ove non opportunamente corretta, può trasformarsi in insolvenza conclamata. In questa prospettiva devono essere lette le nuove disposizioni che disciplinano, sul piano oggettivo e soggettivo, la procedura di allerta.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >