Focus

Una nota (parzialmente) critica al primato del piano d'impresa nell'ambito degli adeguati assetti

05 Agosto 2019 | Crisi d'impresa e insolvenza

Sommario

Premessa | La rilevanza dei dati prospettici ai fini della individuazione dello stato di crisi | La separazione e contrapposizione delle funzioni: un presupposto necessario per la formulazione di stime affidabili | I principi per la costruzione dei dati prognostici non sono le regole di dettaglio necessarie per assicurarne l'affidabilità | La definizione delle regole di dettaglio: un percorso lungo e complesso | La necessità dell'impiego di strumenti informatici | I rimedi esperibili in assenza di sperimentate ed efficaci regole interne di pianificazione | Conclusioni |

 

L'autore, pur avendo in più occasioni dato atto della supremazia del dato previsionale, ai fini dell'autodiagnosi da parte dell'impresa dello stato di salute finanziaria, invita ad estrema cautela nell'impiego delle stime prognostiche quando esse non siano formulate utilizzando un rigido e affidabile insieme di regole di dettaglio.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >