Giurisprudenza commentata

Brevi riflessioni sull’applicabilità delle norme del codice di rito alle vendite fallimentari

01 Aprile 2014 |

Tribunale di Reggio Emilia

Liquidazione dell’attivo

Sommario

Massima | Il caso | La questione giuridica | Osservazioni | Conclusioni | Minimi riferimenti giurisprudenziali, bibliografici e normativi |

 

Deve ritenersi pienamente applicabile, anche nel procedimento di liquidazione fallimentare, la norma di cui all’art. 560, comma 3, c.p.c., secondo la quale la casa, pure adibita ad abitazione dal fallito, può essere liberata anche prima del momento conclusivo della liqudazione, non dovendo necessariamente seguire la liquidazione degli altri cespiti dell’attivo.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >