Giurisprudenza commentata

Distrazione e/o distruzione dell’avviamento commerciale

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni giuridiche e la soluzione | Osservazioni | Le questioni aperte | Conclusioni | Minimi riferimenti giurisprudenziali, bibliografici e normativi |

 

In tema di bancarotta patrimoniale (art. 216 l. fall.), non può configurarsi la distrazione dell’avviamento commerciale dell’impresa fallita se, contestualmente, non siano stati oggetto di disposizione i beni aziendali che lo incorporano; tuttavia, pur in mancanza di atti di disposizione del patrimonio del fallito, l’avviamento commerciale può costituire di per sé stesso l’oggetto materiale della bancarotta per distruzione, e ciò nel caso d’intenzionale dispersione dello stesso da parte dell’imprenditore. (massima)

Leggi dopo

Le Bussole correlate >