Giurisprudenza commentata

Il concordato con continuità aziendale: linee guida e sindacato del Tribunale nella fase ammissiva

03 Settembre 2013 | ,

Tribunale di Roma

Concordato con continuità aziendale

Sommario

Massima | Il caso | La questione giuridica e la soluzione | Osservazioni | Conclusioni | Minimi riferimenti giurisprudenziali e bibliografici |

 

Il Tribunale, nella fase di ammissione d’un debitore ad un concordato preventivo con continuità aziendale, deve valutare se la prosecuzione dell’attività d’impresa sia effettivamente funzionale a garantire la più ampia soddisfazione dei crediti concorsuali, verificando la completezza del piano, in termini di sviluppo d’una analitica indicazione dei costi e dei ricavi attesi nel periodo di riferimento, e l’esaustività dell’attestazione, in termini non solo di affermazione della veridicità dei dati aziendali, ma anche di accertamento, con puntualità e coerenza logica nella prospettiva della massimizzazione dei ricavi a beneficio del ceto creditorio, della preferenza della prosecuzione dell’esercizio aziendale rispetto alla liquidazione.

Leggi dopo