Giurisprudenza commentata

Il rapporto tra il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale e la dichiarazione di fallimento

23 Novembre 2016 |

Cass. Pen. – Sez. V - 28 giugno 2016, n. 28806, sent.

Reati fallimentari

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

Ai fini della sussistenza del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale non è necessaria l’esistenza di un nesso causale tra i fatti di distrazione ed il successivo fallimento, essendo sufficiente che l’agente abbia cagionato il depauperamento dell’impresa, destinandone le risorse ad impieghi estranei alla sua attività sì da esporre a concreto pericolo il soddisfacimento delle ragioni creditorie.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >