Giurisprudenza commentata

Il requisito di "meritevolezza" nel giudizio di omologazione del piano del consumatore

24 Maggio 2017 |

Tribunale di Torre Annunziata

Sovraindebitamento

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Il deposito del “piano del consumatore” previsto dalla Legge n. 3/2012, in ragione della peculiare sequenza del procedimento di omologazione, impone al Tribunale un’attenta indagine sulla diligenza adoperata dal consumatore nell'assunzione dei debiti c.d. volontari, di modo che l’accertamento giudiziale – compiuto alla luce del ricorso, della documentazione agli atti e della relazione dell’O.C.C. – della sua insussistenza per avere il consumatore contratto obbligazioni nella consapevolezza, sulla base di un giudizio prognostico, di non poterle adempiere, rende l’instante immeritevole di accesso alla procedura e deve condurre il Giudice a negare l’omologazione del piano proposto.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >