Giurisprudenza commentata

La durata massima del piano concordatario

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni di diritto | Osservazioni | Conclusioni | Minimi riferimenti giurisprudenziali, bibliografici e normativi |

 

Ai fini della risoluzione del concordato occorre considerare anche la componente temporale dell’adempimento, tenuto conto che, seppure i tempi indicati dalla proponente possono risultare meramente indicativi e non essenziali, tale aspetto compone la causa concreta del concordato; nell’ambito di quest’ultima rientra non solo il riconoscimento in favore dei creditori di una qualche sia pur ridotta (purché apprezzabile) forma di soddisfacimento del credito, ma anche che ciò avvenga in tempi di realizzazione ragionevolmente contenuti.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >