Giurisprudenza commentata

La nomina dell’ausiliario nel preconcordato e la nomina del commissario giudiziale introdotta dal decreto del Fare

28 Ottobre 2013 |

Tribunale di Reggio Emilia
Tribunale di Como

Concordato con riserva

Sommario

Massima | I casi | Le questioni giuridiche e le soluzioni | Le questioni aperte | Conclusioni | Minimi riferimenti giurisprudenziali, bibliografici e normativi |

 

Nel caso in cui la domanda di concordato con riserva, ex art. 161, comma 6, l. fall., contenga istanze di autorizzazione al compimento di atti di straordinaria amministrazione e/o relativi allo scioglimento o alla sospensione di contratti in corso di esecuzione, oppure dalla domanda medesima siano desumibili profili di complessità della procedura in ragione della prevista e dichiarata continuazione dell'attività di impresa, il Tribunale, su istanza del ricorrente, o motu proprio al fine assicurare una costante vigilanza sull'attività di impresa, può nominare un organo ausiliario ex art. 68 c.p.c., essendo tale nomina ammissibile in funzione delle informazioni da assumere ex art.161, comma 5, l. fall. (massima).

Leggi dopo

Le Bussole correlate >