Giurisprudenza commentata

Oltre Eurofood: caso Interedil, prevalenza diritto UE e rafforzata presunzione di coincidenza del COMI con sede statutaria

Sommario

Massima | il caso | Le questioni giuridiche e la soluzione | Osservazioni | Conclusioni | Minimi riferimenti giurisprudenziali, bibliografici e normativi |

 

La nozione di «centro degli interessi principali» del debitore (“COMI”), di cui all’art. 3, n. 1, del Regolamento (CE) del Consiglio 29 maggio 2000, n. 1346, relativo ad alcuni aspetti delle procedure d’insolvenza, deve essere interpretata - in assenza di una specifica definizione contenuta all’interno del regolamento - con esclusivo riferimento al diritto dell’Unione, privilegiandosi il luogo dell’amministrazione principale della società debitrice, determinabile sulla base di elementi oggettivi e riconoscibili dai terzi.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >