News

Informativa del Cndcec sul nuovo regolamento OCC

14 Dicembre 2020 | Sovraindebitamento: OCC

Il CNDCEC, con il documento n. 154 del 10 dicembre 2020, ha pubblicato il “Regolamento degli Organismi di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento”, che integra il precedente regolamento del maggio 2016 ed approfondisce alcuni aspetti della disciplina di cui al d.m. n. 202/2014, recependo alcune indicazioni emerse dalle recenti prassi dei singoli OCC.

Il nuovo Regolamento si compone di 19 articoli e di due allegati:

a) il Codice Etico (allegato A), strutturato in 9 articoli, a cui il gestore ha l’obbligo di conformarsi nell’espletamento della propria attività, che indicano i requisiti del gestore della crisi e le sanzioni nell’ipotesi in cui il gestore della crisi sia privo di tali requisiti o  non ottemperi agli obblighi suddetti e a quelli previsti nel Regolamento decade dall’incarico;

 b) il procedimento per l’applicazione delle sanzioni e l’individuazione dei criteri di sostituzione dei gestori, predisposto ai sensi dell’art. 10 del d.m. n. 202/2014 (allegato B), strutturato in 6 articoli che disciplinano la procedura di contestazione, le sanzioni, la violazione dell’obbligo di aggiornamento biennale di cui al dm. n. 202/2014 e il procedimento disciplinare, nonché gli obblighi di comunicazione del referente al responsabile del registro presso il Ministero di grazia e giustizia.

 

Il Regolamento dedica particolare attenzione al ruolo del referente, specificandone le funzioni, le incompatibilità, la nomina e la durata dell’incarico: a titolo d’esempio, in relazione a tale ultimo profilo, si è previsto che la cessazione del referente per scadenza naturale dell’incarico produce effetto dalla nomina del nuovo referente.

Il Regolamento, infine, non ha natura vincolante: si tratta, infatti, di un modello che gli OCC sono liberi di adottare o meno e le previsioni in esso contenute potranno essere applicate dai singoli OCC, tenendo in considerazione le effettive esigenze correlate alla dimensione, alla struttura e all’organizzazione interna dell’Ordine Territoriale di riferimento.

Leggi dopo