News

Speciale Coronavirus

 

Il decreto Cura Italia (D.L. 17 marzo 2020, n. 18) approvato lunedì 16 marzo dal Consiglio dei Ministri e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo, fa seguito a una serie di provvedimenti che il Governo ha adottato per fronteggiare l'emergenza Coronavirus, a partire dal il D.L. 23 febbraio 2020, n. 6, che ha introdotto misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, cui ha fatto seguito, nel medesimo giorno, il d.p.c.m. di attuazione. Altri decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri sono stati emanati in data 1 marzo (con l'istituzione della c.d. Zona Rossa nei primi Comuni colpiti dal virus), 8 marzo (che ha introdotto misure di contenimento del contagio in Lombrardia e in altre province), 9 marzo (con cui sono estese su tutto il territorio nazionale le misure già adottate in precedenza in Lombardia e altre province) e 11 marzo, che ha introdotto ulteriori misure di contenimento dell'emergenza.

Il D.L. 2 marzo 2020, n. 9, ha introdotto le prime misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica; il successivo D.L. 8 marzo 2020, n. 11, ha introdotto ulteriori misure straordinarie ed urgenti per contrastare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenere gli effetti negativi sullo svolgimento dell'attività giudiziaria. Con il D.L. 9 marzo 2020, n. 14 sono state introdotte disposizioni urgenti per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all'emergenza COVID-19.

Il Decreto CuraItalia, infine, reca nuove “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19”, tra cui si segnalano: sul fronte lavoro, l'estensione della cassa integrazione in deroga all'intero territorio nazionale, a tutti i dipendenti, di tutti i settori produttivi (art. 22); sul fronte fiscale (artt. 57, 58, 59 ss.) la sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi per contribuenti con fatturato fino a 2 milioni di euro; è riconosciuto, per il periodo d'imposta 2020, ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione un credito d'imposta (art. 60) nella misura del 50% delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, fino ad un massimo di 20.000 euro.

A sostegno di famiglie e imprese sono previste una moratoria dei finanziamenti a micro, piccole e medie imprese e il potenziamento del fondo centrale di garanzia delle PMI (art. 49); in ambito societario, infine, si prevede (art. 106) che tutte le società possano convocare l'assemblea per l'approvazione del bilancio entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale (e non entro il termine di legge di 120 giorni).

In data 25 marzo è stato pubblicato sulla G.U. n. 71 il decreto legge 25 marzo 2020, n. 19, recante “Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19”, ai sensi del quale possono essere adottate una  o  più misure, come individuate nel comma  2, per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al 31 luglio 2020,  termine dello stato di emergenza dichiarato con delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020.

Il d.p.c.m. 1 aprile 2020, pubblicato sulla G.U. n. 88 del 2 aprile, ha prorogato fino al 13 aprile tutte le misure di contenimento, precedentemente in vigore fino al 3 aprile, prolungando, così, il lockdown sull’intero territorio nazionale.

L’8 aprile è stato pubblicato sulla G.U. n. 94 il decreto legge n. 23/2020, c.d. Decreto Liquidità, recante “Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali”. Alcune disposizioni, in particolare, mirano ad evitare che le difficoltà economiche derivanti dall’emergenza Covid-19 portino le imprese ad una crisi irreversibile o allo scioglimento, prevedendo, ad esempio, la temporanea sospensione di alcune disposizioni del codice civile in materia di riduzione del capitale sociale (art. 6), di principi di redazione del bilancio e continuità aziendale (art. 7) e di finanziamenti alle società (art. 8). Sono altresì improcedibili i ricorsi per la dichiarazione di fallimento e dello stato di insolvenza (art. 11) e viene rinviata al 1 settembre 2021 dell’entrata in vigore del Codice della crisi e dell’insolvenza.

Il d.p.c.m. 10 aprile 2020 proroga al 3 maggio il lockdown.

Con il d.p.c.m. 26 aprile 2020, il Governo avvia la Fase 2: a partire dal 4 maggio, è consentita la riapertura parziale di alcune attività produttive.

Pubblicata sulla G.U. n. 110 del 29 aprile la legge 24 aprile 2020, n. 27, di conversione del Decreto Cura Italia (d.l. n. 18/2020).

In data 13 maggio, il Governo ha approvato il c.d. Decreto Rilancio, contenente ulteriori misure a sostegno di imprese ed economia.

Da lunedì 18 maggio si intensifica la Fase 2, avviata il 4 maggio, con la riapertura generalizzata di tutte le attività economiche e il libero spostamento delle persone all’interno delle regioni di residenza: le modalità operative sono definite dal d.l. 16 maggio 2020, n. 33 (in G.U. n. 125 del 16 maggio) e ulteriormente specificate dal d.p.c.m. 17 maggio 2020 (in G.U. n. 126 del 17 maggio).

In data 4 giugno, il Senato ha approvato in via definitiva la conversione in legge del Decreto Liquidità: la legge 5 giugno 2020, n. 40, è stata pubblicata in G.U. n. 143 del 6 giugno.

Il 18 luglio è stata pubblicata sulla G.U. n. 180 la legge 17 luglio 2020, n. 77, di conversione del Decreto Rilancio.

Dopo aver ottenuto il via libera del Parlamento, il Governo ha adottato il decreto legge 30 luglio 2020, n. 83, recante nuove "misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020", con il quale vengono prorogati, dal 31 luglio al 15 ottobre, lo stato di emergenza e le disposizioni di cui ai precedenti d.l. nn. 19 e 33, che consentono  di adottare specifiche misure di contenimento dell’epidemia. Il decreto è stato pubblicato sulla G.U. n. 190 del 30 luglio.

In data 14 agosto, è stato pubblicato in G.U. il c.d. Decreto Agosto (d.l. 14 agosto 2020 n. 104) recante ulteriori misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia.

Il d.p.c.m. 7 settembre 2020, pubblicato sulla G.U. n. 222 del 7 ottobre, proroga fino al 7 ottobre le misure anti-Covid contenute nel precedente d.p.c.m. 7 agosto 2020.

Con decreto legge 7 ottobre 2020, n. 125, pubblicato sulla G.U. n. 248 del medesimo giorno, il Governo procede alla proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 sino al 31 gennaio 2021. 

Il 13 ottobre 2020 il Governo emana un nuovo d.p.c.m., pubblicato sulla G.U. n. 253 del 13 ottobre , che intensifica le misure di prevenzione del contagio, alla luce dell'aumento di positivi nel territorio nazionale.

Sempre sulla Gazzetta Ufficiale n. 253 del 13 ottobre, è pubblicata la legge 13 ottobre 2020, n. 126, di conversione del d.l. n. 104/2020 (c.d Decreto Agosto).

 

 

 

Per approfondire:

 

I testi dei provvedimenti

 

 

 

I contributi pubblicati su IlFallimentarista

I nuovi interventi in materia societaria introdotti dal decreto-legge c.d. “Agosto”

Task-force Vittorio Colao: iniziative per il rilancio “Italia 2020 - 2022” in materia di imprese  

Il Decreto Liquidità e la “matassa” della finanza garantita in favore delle imprese in crisi  

Decreto "rilancio", bonus alle imprese: implicazioni per le procedure concorsuali  

Le imprese che “meritano credito” e la valutazione del merito di credito  

Sospensione della disciplina sulla riduzione obbligatoria del capitale a copertura di perdite nel periodo di emergenza Covid-19

Redigere e attestare un piano in tempo di Covid-19. Alcune proposte di ri-declinazione dei principi

Relazioni sindacali al tempo del Covid-19: l'azienda in crisi non resta immune

I doveri reattivi dell'imprenditore sotto l'Impero CoVid-19 e l'obbligo di non arrendersi

Avvio della fase B: accelerazione dei procedimenti finalizzati alla distribuzione di liquidità ai creditori

Il “blocco” dei procedimenti prefallimentari imposto dal Decreto Liquidità

Le misure temporanee previste dal Decreto Liquidità per i concordati preventivi e gli accordi di ristrutturazione

Le nuove frontiere del sovraindebitamento nella pandemia

Disposizioni del c.d. “Decreto Liquidità”: fallimento, concordato preventivo ed accordi di ristrutturazione

Decreto “Cura Italia”: norme in materia di svolgimento delle assemblee di società

CoVid-19: impatto economico sulle procedure concorsuali

Codice della crisi: il rinvio dell'applicazione degli obblighi di segnalazione ai tempi del CoVid-19

Coronavirus: impossibilità sopravvenuta della prestazione e forza maggiore

Il decreto Coronavirus rinvia anche i termini delle procedure concordatarie

In G.U. Milleproroghe e D.L. per emergenza sanitaria: l’impatto sul codice della crisi d’impresa

Emergenza sanitaria: dal Governo nuove misure a sostegno delle imprese

 

Leggi dopo