Prassi dei tribunali

Ammissione al passivo del credito IVA e cassa previdenziale accessori al compenso del professionista

 

La sezione fallimentare del Tribunale di Bergamo, nella circolare n. 3/13, detta istruzioni per i curatori sulle conclusioni da assumere in sede di accertamento dello stato passivo, relativamente alle domande di ammissione del credito per Iva e contributo cassa previdenziale, accessori al credito per prestazione professionale: il credito verso il cessionario ed il committente per la rivalsa Iva, sebbene autonomo rispetto al credito per il corrispettivo, è direttamente e funzionalmente collegato all’operazione imponibile e sorge unitamente e contestualmente al sorgere del diritto al corrispettivo, indipendentemente dall’esecuzione dei detti adempimenti (emissione fattura o parcella), la domanda di ammissione al passivo del credito Iva e del contributo previdenziale va pertanto accolta, e il credito ammesso al chirografo nella misura da determinarsi in base a quanto ripartito al titolare del credito professionale ammesso

Leggi dopo