Quesiti Operativi

Natura del credito della società di leasing verso società in concordato preventivo

 

Una società di leasing dichiara il proprio credito oltre 4 anni dopo il decreto di omologa di un concordato preventivo con cessione dei beni evidenziando, correttamente, che la società debitrice, dal maggio 2008, non pagava i canoni di locazione e che la stessa recedeva nel marzo 2009 successivamente alla presentazione della domanda di ammissione alla procedura di c.p. del 5/02/2009. Ciò premesso, chiede in chirografo il pagamento dei canoni residui (al netto delle vendite dei beni restituiti) e in "prededuzione" il pagamento delle penali contrattuali posto che la risoluzione del contratto (di durata) è avvenuta successivamente alla presentazione della domanda di ammissione alla procedura di c.p. A mio parere, i canoni scaduti alla data di presentazione della domanda sono da considerarsi anteriori e, quindi, da pagare in moneta concordataria in quanto partecipanti al concorso, mentre quelli successivi, al netto del ricavato delle vendite, e l'eventuale penale di risoluzione (se applicabile) dovranno essere richiesti alla società in bonis escludendo ogni possibilità di soddisfazione (men che meno in prededuzione) utilizzando il patrimonio ceduto ai creditori; ritengo, altresì, che la richiesta della società di leasing vada rivolta esclusivamente alla società e...

Leggi dopo