Bussola

Associazioni non riconosciute

25 Novembre 2015 |

Sommario

Introduzione | Costituzione | Organi sociali | Libri sociali e registri | Oggetto dell’associazione | Aspetti fiscali | Il regime forfettario per gli enti non commerciali | Regime ex lege 16 dicembre 1991, n. 398 | L'IRAP | Modello EAS | Riferimenti |

 

Il diritto di associazione è tutelato e favorito dalla Costituzione della Repubblica Italiana agli artt. 18 e 118. L’articolo 18 prevede che i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente e senza autorizzazione. La Costituzione favorisce l’associazionismo, qualora esso abbia come fine lo svolgimento di attività di interesse generale, attraverso l’attività degli Enti pubblici locali (art. 118). Le uniche limitazioni previste dalla Costituzione all’associazionismo sono relative ad attività vietate dalle norme penali. Sono inoltre proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.   Divieto all’associazionismo (Costituzione) Svolgimento di attività vietate dalle norme penali. Associazioni segrete. Associazioni con scopi politici tramite organizzazioni di carattere militare.   Le associazioni possono acquisire la personalità giuridica che consente di qualificarle come “associazioni riconosciute”. Si parla di “associazioni non riconosciute” qualora non vengono effettuate le procedure necessarie al riconoscimento. La normativa prevista dal Codice civile per il fenomeno dell’associazionismo non comprende tutte le fattispecie che sono state successivamente regolamentate da leggi spe...

Leggi dopo