Bussola

Chiusura del fallimento

Sommario

Inquadramento | Casi di chiusura del fallimento | (Segue) Mancanza di domande di ammissione al passivo | (Segue) Estinzione – in qualunque modo – di tutti i crediti concorrenti e di tutti i crediti verso la massa | (Segue) Ripartizione finale dell’attivo | (Segue) Insufficienza dell’attivo | Procedimento di chiusura | Effetti della chiusura del fallimento | Giudizi pendenti | Riferimenti |

 

La cessazione della procedura fallimentare avviene in due casi: omologazione del concordato fallimentare ovvero, nei casi tassativamente indicati dalla legge fallimentare, chiusura del fallimento.   La chiusura del fallimento è dichiarata con decreto motivato pronunciato dal Tribunale fallimentare, su istanza del curatore o del debitore ovvero di ufficio. Contro il decreto che dichiara la chiusura (o contro il decreto che ne respinge la richiesta) è ammesso reclamo davanti alla Corte d’Appello, il cui decreto può essere, a sua volta, impugnato tramite ricorso in cassazione. Il decreto di chiusura del fallimento acquista efficacia se non è proposto alcun reclamo o, se proposto, questo sia rigettato in via definitiva.   La chiusura del fallimento comporta la cessazione di tutti gli effetti del fallimento: cessano gli effetti sul patrimonio del fallito e le relative incapacità; i creditori riacquistano il libero esercizio di azioni esecutive e cautelari individuali nei confronti del fallito (salvo che sia intervenuta l’esdebitazione) e decadono gli organi del fallimento.   Dal 21 agosto 2015 è applicabile una nuova disciplina ai giudizi pendenti al momento della dichiarazione di chiusura del fallimenti, nei quali sia parte il curatore, essendo stato previsto che la loro  pendenz...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Le Bussole correlate >