Bussola

Concordato preventivo: obblighi informativi al tribunale

15 Novembre 2018 | ,

Sommario

Inquadramento | Gli obblighi informativi nel corso della fase cd. bianca | Segue: il contenuto dell’informativa | Segue: la periodicità dell’informativa | Segue: i poteri di controllo del Tribunale | Gli obblighi informativi nella fase tra l’ammissione e l’omologazione del concordato preventivo | Gli obblighi informativi nella fase di esecuzione del concordato preventivo | Segue: nel concordato preventivo liquidatorio | Segue: nel concordato preventivo c.d. in continuità ex art. 186-bis l. fall. | Riferimenti |

 

Il concordato preventivo si caratterizza per un costante obbligo di collaborazione del debitore nei confronti degli organi della procedura e nell’interesse prioritario dei creditori concorsuali. Questa collaborazione si traduce, tra l’altro, in un obbligo di informativa da parte dell’imprenditore che accede al concordato preventivo, che si delinea diversamente nelle varie fasi di sviluppo della procedura, dovendosi distinguere la c.d. fase bianca, la fase compresa tra l’ammissione e l’omologa del concordato preventivo e quella successiva nel corso della quale il debitore è tenuto ad eseguire la proposta concordataria omologata.   Merita allora verificare ciascuna di queste fasi al fine di individuare, nel dettaglio, gli obblighi informativi cui è chiamato l’imprenditore in concordato nei rapporti con i suoi creditori, con il Tribunale e con ogni altro attore che opera nel contesto concordatario.

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Focus

Focus

Su Concordato preventivo: disciplina generale

Il nuovo concordato preventivo
di Diego Corrado

Criticità tributarie nel concordato preventivo
di Renato Bogoni, Emanuele Artuso

Vedi tutti »