Bussola

Inizio, variazione e cessazione attività

24 Giugno 2015 |

Sommario

Inquadramento | L’obbligo di dichiarazione, scadenza dell’adempimento e modalità della dichiarazione | Elementi della dichiarazione | Operazioni intracomunitarie e polizza fideiussoria | Persone fisiche | Soggetti diversi dalle persone fisiche | La chiusura d’ufficio della partita Iva | Riferimenti |

 

Scheda in fase di aggiornamento autorale di prossima pubblicazione   L’art. 35 del D.P.R. 633/1972 prevede l’obbligo di comunicare all’Amministrazione Finanziaria l’inizio dell’attività per gli imprenditori, artisti e professionisti e per coloro che istituiscono una stabile organizzazione nel territorio dello Stato. La comunicazione è inoltre obbligatoria in caso di modifica e di cessazione dell’attività. L’Amministrazione a seguito dell’iscrizione attribuisce al contribuente un numero di partita IVA, che come riferisce il comma 1 dell’art. 35 del D.P.R. 633/1972, rimane invariato nelle ipotesi di variazione, anche del domicilio fiscale, fino al momento della cessazione dell’attività. L’adempimento che veniva effettuato in modalità cartacea è stato successivamente integrato con la possibilità e successivamente con l’obbligo (per le imprese) di comunicare in via telematica tali eventi dell’impresa. Al fine di perseguire la semplificazione dei rapporti fisco – contribuente l’ordinamento ha elaborato la procedura “Comunica” al fine di consentire la nascita dell’impresa in tempi brevi.

Leggi dopo