Bussola

Liquidazione giudiziale: responsabilità del curatore

05 Giugno 2020 | , ,

Sommario

Inquadramento | Il ruolo del curatore nella liquidazione giudiziale | La responsabilità del curatore fallimentare nel CCI | Riferimenti Normativi |

 

  Il ruolo del curatore fallimentare è stato profondamente riformato a seguito della riforma fallimentare del 2006, e così dai successivi interventi legislativi, in un'ottica di sempre maggiore autonomia del curatore, posto al centro dell'amministrazione della procedura, su cui vigilano il giudice delegato e il comitato dei creditori. Nel 2006, infatti, sono state introdotte disposizioni che consentono la liquidazione in forma del tutto nuova rispetto al passato, quali ad esempio l'affitto dell'azienda o di suoi rami per una più proficua vendita (art. 104-bis l. fall.), la vendita dell'intera azienda, di suoi rami, di beni in blocco anche previo conferimento in società di nuova costituzione (art. 105 l. fall.), la cessione di crediti anche litigiosi (art. 106 l. fall.) Questa prospettiva incide anche sul contenuto dei poteri e degli obblighi facenti capo al curatore, atteso che egli può autonomamente perseguire l'interesse dei creditori anche mediante programmazioni e iniziative di tipo dinamico. Ad un ampliamento dei poteri corrisponde sempre una maggiore estensione di doveri e responsabilità.   In questi termini, rispetto alla disciplina attuale, la figura del curatore all'interno del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza non pare subire profondi mutamenti; anzi, vi...

Leggi dopo