Bussola

Locazione

Sommario

Inquadramento | La riforma del 1998: le diverse tipologie per il contratto di locazione | Elementi essenziali del contratto di locazione | Diritti e doveri del conduttore | Diritti e doveri del locatore | La locazione per uso diverso da “abitazione” | Patti contrari alla legge | Detrazioni fiscali per i contratti di locazione | Registrazione contratto di locazione | L’imposta di registro sui contratti di locazione | Imposta di registro: importi, codici e modalità di pagamento | Reddito degli immobili locati | La “cedolare secca” sugli affitti | IVA e locazioni | Trattamento Fiscale e Contabile | Affitti in nero: novità del 2014 | Le locazioni brevi | Le locazioni turistiche | Riferimenti |

 

Già nel lontano 1978 il legislatore si rese conto che la disciplina contenuta nel codice civile era del tutto carente proprio con riferimento alle ipotesi di locazione più diffuse e importanti. La Legge n. 392/1978, meglio nota come “legge sull’equo canone”, tentò di regolare i contratti che avevano ad oggetto immobili da destinarsi sia all’uso abitazione che all’uso diverso dall’abitazione. Il risultato di tale legge, però, si manifestò del tutto opposto rispetto allo scopo che ci si prefiggeva, costringendo il Parlamento a porre rimedio alla battuta d’arresto riscontrata nel mercato di cui trattasi. Fu approvata, così, la Legge n. 359/1992, la quale introdusse, anche se limitatamente agli immobili urbani destinati all'abitazione, i c.d. “patti in deroga”. L’intervento legislativo citato, tuttavia, ebbe risultati parziali perché il settore in esame abbisognava di una riforma ben più completa e sistematica: la legge del 1992, infatti, si limitò ad attribuire alle parti la possibilità di stabilire autonomamente la durata dei contratti e il canone di locazione, in deroga a quanto era stabilito nella vigenza della legge sull’equo canone.

Leggi dopo