Bussola

Responsabilità solidale committente e appaltatore

22 Aprile 2015 |

Sommario

Inquadramento | Ambito di applicazione | Soggetti interessati | Adempimenti per evitare la solidarietà | Aspetti sanzionatori | Modelli | Novità intervenute con il D.Lgs. 175/2014 | Riferimenti |

 

Scheda in fase di aggiornamento autorale di prossima pubblicazione       Nell’ambito delle misure di contrasto all’evasione e all’elusione fiscale, è stata prevista la responsabilità solidale degli obblighi fiscali nella catena degli appalti. Infatti, l’estensione della responsabilità si applica al committente nei confronti dell’appaltatore e di quest’ultimo, qualora affidi in subappalto l’opera o il servizio. La disciplina è entrata in vigore il 12 agosto 2012 e prevede le modalità per l’appaltatore di esonerarsi dalla responsabilità solidale acquisendo le informazioni che dimostrino il corretto adempimento degli obblighi fiscali inerenti l’opera effettuata. Con il D.L. 21 giugno 2013 n.69 è stato eliminato il riferimento all’imposta sul valore aggiunto, ma permane la disposizione relativamente alle ritenute fiscale sui redditi di lavoro dipendente.    Responsabilità solidale Art. 35 c. 28 D.L. 223/2006 Disciplina ante D.L. 69/2013 Disciplina post D.L. 69/2013 In caso di appalto di opere o di servizi, l'appaltatore risponde in solido con il subappaltatore, nei limiti dell'ammontare del corrispettivo dovuto, del versamento all'erario delle ritenute  fiscali sui redditi di lavoro dipendente e del versamento dell'imposta sul valore aggiunto dovuta dal subappaltatore all'e...

Leggi dopo