Bussola

Società di fatto

09 Dicembre 2015 |

Sommario

Premessa | Inquadramento | Gli elementi costitutivi della società di fatto | La prova del rapporto sociale. La disciplina applicabile alla società di fatto | La supersocietà di fatto (cenni) | Figure affini alla società di fatto | Riferimenti |

 

La società di fatto si configura allorquando due o più parti, in assenza di una pattuizione espressa, si comportano come soci, svolgendo un'attività economica imprenditoriale allo scopo di dividerne gli utili. Essa non costituisce un tipo societario autonomo ed è configurabile solo nell'ambito delle società di persone, la cui costituzione, in linea generale, non è subordinata dalla legge a requisiti formali a pena d'invalidità.   L'esistenza della società di fatto, che presuppone il concorso dei requisiti oggettivi e soggettivi di cui all'art. 2247 c.c., può essere dimostrata con qualunque mezzo di prova, ivi comprese le presunzioni. Per i terzi, peraltro, è sufficiente la dimostrazione dell'esteriorizzazione del vincolo sociale, senza che sia necessaria la ricostruzione della reale volontà delle parti. Qualora si tratti di società tra consanguinei, tuttavia, la prova deve essere particolarmente rigorosa in modo tale da escludere che la collaborazione del famigliare all'esercizio dell'attività d'impresa possa trovare spiegazione nell'affectio familiae.   Sul piano normativo, la società di fatto è assoggettata alla disciplina della società semplice o della società in nome collettivo (irregolare), a seconda dalla natura dell'attività esercitata.   Infine, costituisce questione a...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >