Bussola

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Sommario

Introduzione | L’antecedente storico della transazione fiscale: la transazione dei tributi iscritti a ruolo | Presupposto soggettivo e ratio dell’istituto | I tributi e contributi transigibili | Transazione dei crediti tributari e contributivi privilegiati. Problemi di coordinamento con l’art. 160 | La questione della obbligatorietà o facoltatività della transazione fiscale nel concordato preventivo | Il problema della falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate. La posizione della Cassazione | Le ulteriori tesi sulla infalcidiabilità dell’IVA e delle ritenute fiscali | Cenni sui privilegi che assistono i crediti tributari | Il procedimento | (Segue) la votazione dell’amministrazione finanziaria e degli enti. Effetti del concordato preventivo sui crediti tributari e contributivi | La transazione fiscale negli accordi di ristrutturazione | Cenni sulla compatibilità della transazione fiscale con la normativa sugli aiuti di Stato | Riferimenti |

 

Scheda in fase di aggiornamento autorale di prossima pubblicazione alla luce della Legge di Bilancio 2017     La transazione fiscale è un istituto giuridico, disciplinato dall’art. 182-ter l.fall., che consente all’imprenditore in crisi di concludere, nel contesto di una procedura di concordato preventivo o di un accordo di ristrutturazione, un accordo con il Fisco e con gli enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie, avente ad oggetto il pagamento parziale, o anche dilazionato, dei tributi amministrati dalle agenzie fiscali e dei relativi accessori, nonché dei crediti previdenziali e dei relativi accessori, ad eccezione dell’Iva, delle ritenute operate e non versate e dei tributi costituenti risorse proprie dell’Unione Europea. Il procedimento si articola nella presentazione di una copia della domanda di transazione fiscale e della relativa documentazione, contestualmente al deposito nella cancelleria del tribunale, presso l’ufficio competente sulla base dell’ultimo domicilio fiscale del debitore e, per quanto riguarda i tributi iscritti a ruolo, presso il competente agente della riscossione, unitamente alle dichiarazioni fiscali per le quali non è pervenuto l’esito dei controlli automatici nonché delle dichiarazioni integrative relative al periodo sino all...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento