Blog

Blog su Concordato preventivo: disciplina generale

Il concordato preventivo torna una procedura concorsuale minore nel Codice della crisi e dell’insolvenza

03 Aprile 2019 | di Fabio Cesare

Concordato preventivo: disciplina generale

Il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza ha introdotto profonde novità che potrebbero rivisitare le tradizionali valutazioni che fanno oggi preferire l’accordo di ristrutturazione dei debiti al concordato. Per comprendere meglio le basi di questo assunto, occorre comprendere quali siano i tratti riformati dei due istituti che potrebbero incentivare l’accordo di ristrutturazione.

Leggi dopo

Ravvedimento tributario ad ampio raggio nel concordato preventivo

26 Marzo 2019 | di Massimo Mastrogiacomo

Concordato preventivo: disciplina generale

Tra le tante novità che i fallimentaristi (o come si chiameranno gli operatori del diritto della crisi e dell’insolvenza) attendono dai vari decreti che dovrebbero essere emanati in applicazione della riforma appena varata dal Paramento, dovrebbe trovare spazio un’attenuazione del peso specifico delle sanzioni accessorie al debito tributario accumulato durate la crisi.

Leggi dopo

Il difficile rapporto fra l’art. 163-bis e l’art. 182 l.fall.

05 Dicembre 2016 | di Danilo Galletti

Concordato preventivo: disciplina generale

L’art. 163-bis l. fall. deve comunque trovare applicazione, nei limiti della compatibilità, ogniqualvolta il Tribunale disponga l’apertura di un procedimento competitivo prima dell’omologazione del concordato.

Leggi dopo

Deroga ai criteri di valutazione nel concordato e nell’accordo di ristrutturazione dei debiti (I parte)

05 Aprile 2016 | di Giuliano Buffelli

Concordato preventivo: disciplina generale

Spunto al tema posto viene dalla lettura della massima P.B.1 degli orientamenti del Comitato Triveneto dei Notai in materia di atti societari: 1° pubbl. 9/015 – motivato 9/15.

Leggi dopo

I contenuti della proposta di concordato dopo la miniriforma del 2015

08 Marzo 2016 | di Mauro Vitiello

Concordato preventivo: disciplina generale

L’art. 160 l. fall., comma 4, prevede che “in ogni caso la proposta di concordato deve assicurare il pagamento di almeno il venti per cento dell’ammontare dei crediti chirografari. La disposizione di cui al presente comma non si applica al concordato con continuità aziendale di cui all’art. 186-bis”.

Leggi dopo

L’irrilevanza della collocazione sussidiaria dei privilegi generali (salva l’ipotesi di classamento ad hoc)

23 Febbraio 2016 | di Filippo Lamanna

Concordato preventivo: disciplina generale

Ricordato in premessa che, secondo la S. Corte (cfr. Cass. n. 24970/2013), nel concordato preventivo il debitore è obbligato a pagare integralmente i crediti prelazionari salvo che, mancando nel suo patrimonio i beni sui quali sussiste la causa di prelazione, egli si avvalga della facoltà (che come tale potrebbe però anche non esercitare) di limitare il pagamento alla sola parte che troverebbe capienza in un’alternativa liquidazione (fallimentare o esecutiva) del bene gravato, secondo quanto previsto dall’art. 160, comma 2, l. fall.; ed inoltre che, in forza di un altro orientamento giurisprudenziale ad oggi prevalente, non solo ai crediti muniti di pegno, ipoteca o privilegio speciale, ma anche ai crediti privilegiati generali sarebbe applicabile l’art. 160, comma 2, l. fall. nella parte in cui consente il pagamento parziale dei crediti prelazionari in caso di incapienza; è conseguente chiedersi, tenuto conto che tra i privilegi generali ve ne sono alcuni che godono di un beneficio ulteriore, quello della collocazione sussidiaria sul ricavato immobiliare, se tale peculiare beneficio abbia una concreta possibilità di operare, ed in che limiti, nel concordato preventivo.

Leggi dopo

Il concordato con “assicurazione” non è un concordato “per garanzia dell’attestatore”

19 Novembre 2015 | di Danilo Galletti

Concordato preventivo: disciplina generale

E’ il debitore a dover “assicurare” il conseguimento delle utilità patrimoniali oggetto della proposta, e non l’attestatore.

Leggi dopo

Norme transitorie della miniriforma di cui al D.L. 83/15: il significato di “procedimenti introdotti” dopo la legge di conversione

13 Novembre 2015 | di Filippo Lamanna

Concordato preventivo: disciplina generale

Com’è noto, due norme dal tenore letterale chiarissimo delineano i confini di durata del concordato preventivo: 1) l’art. 163, primo comma, l. fall., che fa coincidere l’apertura della procedura di concordato preventivo con il decreto di ammissione; 2) l’art. 181, primo comma, secondo cui la procedura di concordato preventivo si chiude con il decreto di omologazione.

Leggi dopo

L’inammissibilità di una promessa di pagamento entro un “range” tra un minimo e un massimo

10 Novembre 2015 | di Filippo Lamanna

Concordato preventivo: disciplina generale

Alcuni recenti commenti alla “miniriforma” di cui al D.L. n. 83/2015 (conv. dalla legge n. 132/2015) risultano articolati in un modo alquanto singolare, che merita di essere segnalato per il sottile artificio retorico che li caratterizza: dopo un’introduzione che sembra (quasi) riconoscere la bontà delle nuove disposizioni come giusta reazione del legislatore agli eccessi precedenti con cui era stato variabilmente incentivato il ricorso al concordato preventivo a discapito ed in assoluto dispregio degli interessi degli altri vari soggetti coinvolti nella crisi del debitore, vengono poi sviluppati argomenti apertamente finalizzati solo a ridimensionare la portata innovativa delle nuove disposizioni - a partire da quella con cui è stata ora chiaramente imposta al debitore la formulazione di una promessa, con indicazione esplicita e specifica dell’utilità, economicamente valutabile, che deve assicurarsi a ciascun creditore [art. 161, secondo comma, lettera e), l. fall.] -, fornendone un’interpretazione sostanzialmente demolitiva.

Leggi dopo

Concordato con continuità e liquidatorio dopo la riforma: elementi critici e proposte de iure condendo

16 Ottobre 2015 | di Mauro Vitiello

Concordato preventivo: disciplina generale

Dalla recente riforma del diritto della crisi d’impresa è scaturita un’accentuazione delle differenze della disciplina del concordato liquidatorio, da un lato, e di quello con continuità, dall’altro.

Leggi dopo

Pagine