Blog

Blog su Crediti privilegiati

L’applicazione del nuovo art. 2751-bis c.c. modificato dalla Legge di Bilancio 2018

24 Gennaio 2018 | di Filippo Rasile, Gessica Zanotti

Crediti privilegiati

La Legge di Bilancio 2018, ha modificato l'art. 2571-bis, comma 1, n. 2, c.c.. L'art. 1, comma 474, di tale legge recita: “All'articolo 2751-bis, numero 2), del codice civile, dopo le parole: «le retribuzioni dei professionisti» sono inserite le seguenti: «, compresi il contributo integrativo da versare alla rispettiva cassa di previdenza ed assistenza e il credito di rivalsa per l'imposta sul valore aggiunto,».

Leggi dopo

Tutela del creditore privilegiato e vendita del bene vincolato nel concordato

04 Gennaio 2017 | di Danilo Galletti

Crediti privilegiati

La vendita dei beni del debitore vincolati al realizzo di un credito privilegiato, durante la pendenza del concordato, comporta tanto l’effetto purgativo del bene, quanto il trasferimento della prelazione sul ricavato, con vincolo che permane anche all’eventuale cessazione della procedura.

Leggi dopo

Privilegi generali e sussidiarietà

15 Settembre 2016 | di Filippo Lamanna

Crediti privilegiati

Il concordato preventivo è ammissibile, essendone comunque integrata la causa (intesa – tra l’altro - come possibilità/necessità di soddisfare almeno in parte i creditori chirografari), anche quando l’attivo mobiliare non sia sufficiente a pagare per intero i privilegi generali, in presenza di due possibili condizioni alternative: messa a disposizione di “finanza esterna” o surplus di attivo immobiliare.

Leggi dopo

“Definitività” della degradazione al chirografo dei crediti privilegiati incapienti

12 Maggio 2014 | di Filippo Lamanna

Crediti privilegiati

Com’è noto, secondo l’attuale testo dell’art. 160, comma 2, l. fall., la proposta di concordato preventivo può prevedere che i creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca siano  soddisfatti solo nei limiti di capienza dei beni o diritti sui quali sussiste la causa di prelazione, avuto riguardo al loro valore liquidativo di mercato, indicato nella relazione giurata di un professionista in possesso dei requisiti di cui all’articolo 67, comma 3, lettera d).

Leggi dopo

Revoca delle agevolazioni ministeriali all’impresa: il diritto alla ripetizione con riferimento al rango degli interessi

15 Aprile 2014 | di Francesco Vignoli

Crediti privilegiati

L’art. 24, comma 32, della legge n. 449 del 1997 dispone che “il provvedimento di revoca delle agevolazioni disposte dal Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato” (oggi Ministero dello Sviluppo economico) “in materia di incentivi all'impresa costituisce titolo per l'iscrizione a ruolo…degli importi corrispondenti degli interessi e delle sanzioni (…)”. Il successivo comma 33 prescrive che “il diritto alla ripetizione costituisce credito privilegiato e prevale su ogni altro titolo di prelazione da qualsiasi causa derivante ad eccezione del privilegio per spese di giustizia e di quelli previsti dall'articolo 2751-bis del codice civile, fatti salvi i precedenti diritti di prelazione spettanti a terzi. La costituzione e l'efficacia del privilegio non sono subordinate né al consenso delle parti né a forme di pubblicità”.

Leggi dopo

Parzialmente incostituzionale l’efficacia retroattiva dei privilegi sui crediti erariali

10 Settembre 2013 | di Alessandro Solidoro

Crediti privilegiati

Con ordinanza emessa il 16 luglio 2012 e depositata in data 17 luglio 2012 (n. 288 del registro delle ordinanze) il Giudice delegato presso la Sezione fallimentare del Tribunale di Firenze ha sollevato questione di illegittimità costituzionale dell’art. 2752, comma 1, c.c. in combinato disposto con l’art. 23, commi 37 e 40, D.L. 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria), convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, per violazione degli artt. 3, commi 1 e 2, 117, comma 1, Cost. e art. 6  CEDU, per le seguenti motivazioni:

Leggi dopo

Sul privilegio del professionista

05 Settembre 2013 | di Fabrizio Di Marzio

Crediti privilegiati

Con la sentenza n. 17207/2013 la Corte di Cassazione è tornata ad affrontare nuovamente la questione della riferibilità del privilegio stabilito dall’art. 2751-bis n. 2 c.c. (per credito vantato per le retribuzioni dovute ai professionisti e ai prestatori di opera intellettuale) al credito sorto da contratto di assistenza stipulato con uno studio legale associato.

Leggi dopo

Sul riconoscimento del privilegio ai crediti delle società tra professionisti

04 Settembre 2013 | di Antonio Maria Leozappa

Crediti privilegiati

La sentenza 11 luglio 2013, n. 17207 della Corte di Cassazione si è segnalata per il riconoscimento del privilegio ex art. 2751-bis, n. 2, c.c. ai crediti delle associazioni professionali. Ancorché la questione sottoposta al giudizio della S. Corte abbia origine in vicende precedenti all’entrata in vigore della legge 12 novembre 2011, n. 183 - che, nell’introdurre la disciplina delle società tra professionisti, ha abrogato la legge 23 novembre 1939, n. 1815, che regolamentava l’esercizio in comune delle professioni protette - la sentenza offre utili spunti per riflettere sul tema del regime dei crediti delle società professionali.

Leggi dopo

Il privilegio generale, anzi speciale, di SACE nel concordato preventivo omologato

11 Aprile 2012 | di Danilo Galletti

Crediti privilegiati

Nei concordati preventivi omologati in via definitiva, ove SACE rivendichi successivamente il privilegio di cui al d.lgs. n. 143/1998, il credito, comunque astrattamente assistito da prelazione speciale, e non già generale, deve ritenersi “degradato” al rango di chirografo in forza dell’efficacia “conformativa”, ai sensi dell’art. 184 l. fall., del decreto di omologazione.

Leggi dopo