Blog

Blog

Assunzione di lavoratori in mobilità e benefici contributivi

18 Novembre 2011 | di Adelio Riva

Mobilità

È esclusa per l’affittuario la possibilità di accedere ai benefici contributivi per i lavoratori collocati in mobilità. L’art. 8 l. 223/1991 disciplina il collocamento dei lavoratori in mobilità e i conseguenti benefici contributivi di cui il datore di lavoro può usufruire quando assume a tempo pieno ed indeterminato i lavoratori collocati in mobilità ed iscritti nelle c.d. “liste di mobilità”.

Leggi dopo

Le misure di protezione "anticipate" hanno davvero natura cautelare?

11 Novembre 2011 | di Danilo Galletti

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

L’art. 182 bis, commi 6 e 7, l. fall., che disciplina le misure di protezione “anticipate” rispetto al deposito dell’accordo di ristrutturazione, a mio parere, non ha natura cautelare in senso tecnico, sicché l’accordo poi depositato potrebbe essere anche diverso da quello prospettato nella fase preliminare.

Leggi dopo

I finanziamenti-ponte nei concordati preventivi: prove tecniche di prededuzione

11 Novembre 2011 | di Danilo Galletti

Finanziamenti nelle procedure concorsuali

L’art. 182 quater l. fall., introdotto dal D.L. n. 78/2010, ha voluto estendere il beneficio della prededuzione ai finanziamenti concessi dal sistema bancario alle imprese in crisi prima dell’ingresso in procedura. Nella realtà, gli attori del processo di crisi stanno continuando a stipulare il contratto soltanto dopo l’ammissione, previa autorizzazione del G.D. ex art. 167 l. fall.

Leggi dopo

Il magistrato penale può rivalutare piani di ristrutturazione, accordi omologati e concordati preventivi?

11 Novembre 2011 | di Francesco Mucciarelli

Esenzione dai reati fallimentari

L’art. 217 bis l. fall. stabilisce la non rilevanza penale di condotte riportabili alle fattispecie astratte della bancarotta preferenziale e della bancarotta semplice quando i comportamenti concreti posti in essere dal fallito siano stati realizzati in esecuzione di un piano attestato ex art. 67, comma 3, lett. d) ovvero di un accordo di ristrutturazione omologato ex art. 182 bis l. fall. ovvero, infine, di un concordato preventivo.

Leggi dopo

Pagine