Blog

Blog

Controllo giurisdizionale, nomina e responsabilità del professionista nella crisi da sovraindebitamento

02 Maggio 2012 | di Mauro Vitiello

Sovraindebitamento

Il nuovo istituto, per il momento quasi per nulla applicato, contiene due elementi di novità assai rilevanti, uno dei quali potrebbe aprire la strada ad una riforma della disciplina della figura del professionista attestatore nel concordato preventivo e negli accordi di ristrutturazione di cui all'art. 182 bis l. fall. 

Leggi dopo

Il controllo del giudice in sede di omologa dell’accordo per la risoluzione della crisi da sovraindebitamento

23 Aprile 2012 | di Federico Rolfi

Sovraindebitamento

La recente l. 3/2012 ha, finalmente, introdotto in via definitiva un procedimento per la composizione del sovraindebitamento riguardante gli imprenditori non fallibili o i debitori non imprenditori. Momento fondamentale e delicato rimane quello dell’omologa dell’accordo da parte del Tribunale.

Leggi dopo

Riforma del lavoro e procedure concorsuali: si preannunciano importanti (e devastanti) novità

16 Aprile 2012 | di Adelio Riva

Rapporti di lavoro

Il disegno di legge “Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”, che andrà sottoposto nei giorni a venire all’esame e all’approvazione delle Camere, presenta indubbiamente rilevanti novità per il mercato del lavoro, così come ben evidenziato nel forte dibattito sviluppatosi nei mesi scorsi.

Leggi dopo

Il privilegio generale, anzi speciale, di SACE nel concordato preventivo omologato

11 Aprile 2012 | di Danilo Galletti

Crediti privilegiati

Nei concordati preventivi omologati in via definitiva, ove SACE rivendichi successivamente il privilegio di cui al d.lgs. n. 143/1998, il credito, comunque astrattamente assistito da prelazione speciale, e non già generale, deve ritenersi “degradato” al rango di chirografo in forza dell’efficacia “conformativa”, ai sensi dell’art. 184 l. fall., del decreto di omologazione.

Leggi dopo

Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA e le novità apportate dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16

05 Aprile 2012 | di Alessandro Solidoro

Fallimento: disciplina generale

Al fine di contrastare comportamenti fraudolenti in materia di IVA, nonché le forme di evasione di maggior rilevanza, l’art. 21 del D.L. 31/5/2010, n. 78, ha introdotto lo “spesometro”, ovvero l’obbligo di comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini IVA.

Leggi dopo

Il pagamento diretto agli enti di previdenza da parte delle stazioni appaltanti in caso di DURC negativo

02 Aprile 2012 | di Danilo Galletti

DURC e procedure concorsuali

Il pagamento diretto agli Enti previdenziali e assicurativi da parte delle stazioni appaltanti è revocabile e/o inefficace nei confronti della massa fallimentare, poiché la disciplina specifica regolamenta un’ipotesi di semplice indicazione e/o di delegazione legale di pagamento, non già di cessione e/o di surrogazione in favore dell’Ente di previdenza.

Leggi dopo

DURC e surrogazione legale nel credito dell’appaltatore

29 Marzo 2012 | di Francesco Vignoli

DURC e procedure concorsuali

L’art. 118, comma 6, del d.lgs. n. 163/2006 (c.d. codice dei contratti pubblici) prescrive che “ai fini del pagamento degli stati di avanzamento dei lavori o dello stato finale dei lavori, l'affidatario e, suo tramite, i subappaltatori trasmettono all'amministrazione o ente committente il documento unico di regolarità contributiva”.

Leggi dopo

Legittimazione attiva ad insinuarsi per le quote di TFR destinate alla previdenza integrativa

21 Marzo 2012 | di Adelio Riva

Trattamento di fine rapporto

Il Tribunale di Treviso individua il lavoratore quale soggetto legittimato all’insinuazione nello stato passivo per le quote di TFR destinate alla previdenza complementare.

Leggi dopo

Concordato preventivo: infondatezza de iure condito dell'obbligatorietà delle classi di creditori

12 Marzo 2012 | di Mauro Vitiello

Classi e categorie di creditori

La proposta di concordato dell'imprenditore in crisi può prevedere la divisione dei creditori in classi, senza che in alcun caso tale opzione possa essere ritenuta obbligatoria per l'esigenza di rispettare il criterio dell'omogeneità dell'interesse economico.

Leggi dopo

Bancarotta per distrazione: la prova della destinazione dei beni assenti

02 Marzo 2012 | di Alessio Lanzi

Bancarotta fraudolenta

Il mancato reperimento, dopo la dichiarazione di fallimento, di beni del debitore fallito che prima risultavano nella sua disponibilità pone il problema di individuare i criteri sulla cui base dedurre se egli abbia o meno posto in essere il reato di bancarotta fraudolenta per distrazione.

Leggi dopo

Pagine