Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Concordato della società: beneficio di escussione ed effetto esdebitatorio

22 Giugno 2017 | di La Redazione

Tribunale di Lecco

Concordato preventivo: disciplina generale

La domanda di concordato preventivo di una società di persone, qualora i soci illimitatamente responsabili abbiano costituito ipoteca a favore di un creditore sociale, è ammissibile solo se è prevista la soddisfazione di tale credito al 100%, anche se formalmente chirografario con riferimento al rapporto con la società.

Leggi dopo

Il nuovo art. 110 l.fall.: ripartizione delle somme e creditori opponenti

20 Giugno 2017 | di La Redazione

Tribunale di Modena

Ripartizione dell’attivo

Nel procedimento di ripartizione, ai sensi del novellato art. 110 l.fall., laddove il creditore opponente si possa collocare utilmente all’esito favorevole dell’opposizione nel riparto parziale delle liquidità disponibili, deve avere la possibilità di ottenere anticipatamente l’assegnazione delle somme previo rilascio di idonea garanzia di restituzione.

Leggi dopo

Dichiarazione di fallimento in pendenza di termini per la risoluzione

12 Giugno 2017 | di La Redazione

Tribunale di Padova

Risoluzione e annullamento del concordato

Quando i termini per la risoluzione sono pendenti non è possibile dichiarare il fallimento della società, su istanza dello stesso proponente il concordato ormai omologato...

Leggi dopo

Azione revocatoria e tutela dei creditori

08 Giugno 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Azione revocatoria fallimentare

Un pagamento revocabile è presuntivamente dannoso per la massa dei creditori in quanto effettuato in stato di insolvenza. Tale dannosità viene meno al momento della predisposizione del progetto di ripartizione in cui vi sia la prova che non vi siano altri creditori ammessi al passivo che potrebbero beneficiare di una ripartizione di attivo ulteriore conseguente alla ripetizione del pagamento.

Leggi dopo

Dichiarazione di illegittimità o inefficacia del licenziamento nei confronti del datore di lavoro dichiarato fallito

29 Maggio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Palermo

Fallimento: disciplina generale

Se il lavoratore agisce in giudizio chiedendo la dichiarazione di illegittimità o inefficacia del licenziamento nei confronti del datore di lavoro dichiarato fallito, permane la competenza funzionale del giudice del lavoro, in quanto..

Leggi dopo

Estensione e limiti del controllo giudiziale nel concordato preventivo

26 Maggio 2017 | di La Redazione

Corte d’appello di Venezia

Fattibilità

In tema di giudizio sulla fattibilità del piano, mentre il sindacato del giudice sulla fattibilità giuridica non incontra particolari limiti, il controllo sulla fattibilità economica, intesa come realizzabilità nei fatti del medesimo, può essere svolto...

Leggi dopo

La sospensione della liquidazione dell’attivo

22 Maggio 2017 | di La Redazione

Corte d’appello di Trento

Sospensione della liquidazione dell’attivo

In tema di sospensione della liquidazione dell’attivo, l’art. 19 l.fall., come modificato, esclude la competenza della Corte d’appello di decidere sull'istanza di sospensione della liquidazione in pendenza del procedimento promosso con ricorso per cassazione.

Leggi dopo

Concordato preventivo e legittimazione ad agire

18 Maggio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Belluno

Concordato preventivo: disciplina generale

In tema di legittimazione ad agire, la limitazione a partecipare in sede oppositiva al giudizio di omologazione di un concordato preventivo è riferibile solo a coloro che hanno approvato la proposta; ne deriva che la partecipazione consentita, nell'area dei creditori, non è solo riconosciuta...

Leggi dopo

Domanda di concordato e pagamento integrale dilazionato dei creditori privilegiati

15 Maggio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Busto Arsizio

Concordato preventivo: disciplina generale

In materia di concordato preventivo con pagamento integrale dei creditori privilegiati, ma dilazionato oltre il termine dell’anno, in relazione alle operazioni di voto, la “misura” del voto, in attuazione di quanto disposto dall’art. 177, comma 2, l.fall. non va parametrata all’entità della perdita subita per il ritardato pagamento qualora la perdita economica per il ritardo sia stata in toto neutralizzata dal riconoscimento degli interessi previsti nella proposta.

Leggi dopo

L’iscrizione dell’omologa del concordato nel Registro delle imprese

10 Maggio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Trento

Omologazione della proposta di concordato

Non può essere accolta la richiesta di cancellazione dell’iscrizione del decreto di omologazione del concordato preventivo nel registro delle imprese. La cancellazione di un’iscrizione dal registro è prevista soltanto ove essa sia avvenuta in difetto delle condizioni di legge, ex art. 2191 c.c.; normalmente le iscrizioni avvengono per fatti specifici e tassativi, sul presupposto che le finalità di pubblicità abbiano un dies a quo ma non una scadenza.

Leggi dopo

Pagine