Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

L’esenzione dal fallimento della start up innovativa

05 Dicembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Genova

Start up innovativa

La non fallibilità della start up innovativa è prevista fin dalla costituzione e quindi “copre” anche il periodo in cui la stessa non abbia ancora perfezionato l’iscrizione nel Registro delle imprese nella specifica sezione dedicata.

Leggi dopo

Fallimento della supersocietà di fatto: serve la prova dell’insolvenza

26 Novembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Macerata

Insolvenza

Per la dichiarazione di fallimento di una società di fatto occorre accertare lo stato di insolvenza, non potendosi procedere l’estensione automatica del fallimento di uno dei soci.

Leggi dopo

La cessione del quinto nella procedura di liquidazione del patrimonio

21 Novembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Brescia

Sovraindebitamento

In tema di liquidazione del patrimonio, l’art. 14-undecies L. n. 3/2012 prevede che i beni sopravvenuti sono oggetti della procedura che si svolge per il resto nel rispetto della par condicio creditorum ai sensi dell’art. 14-octies, per cui la cessione del quinto a favore del cessionario cessa con l’apertura della procedura.

Leggi dopo

Cessione del contratto di locazione e prededuzione del credito del locatore

18 Novembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Venezia

Crediti prededucibili: categorie

In tema di cessione del contratto di locazione, contestuale ad un contratto di affitto di azienda, anteriore al fallimento della società locataria obbligata in solido, il credito del locatore non può considerarsi sorto in occasione o in funzione del fallimento e, pertanto...

Leggi dopo

Liquidazione dei beni e reclamo avverso il provvedimento che dichiara inammissibile il ricorso

14 Novembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Alessandria

Sovraindebitamento: Liquidazione del patrimonio

In tema reclamo avverso il provvedimento che dichiara inammissibile il ricorso per la liquidazione dei beni, se la proposta difetta dei presupposti di cui all'art. 14-ter L. n. 3/2012, il reclamo è inammissibile.

Leggi dopo

Imprenditore fallito ed estensione del fallimento agli altri soci occulti

08 Novembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Fallimento in estensione

L’imprenditore dichiarato fallito ha legittimazione di fare accertare, in caso di società irregolare, che l’attività economica era riferibile non ad un imprenditore individuale, ma bensì ad ente collettivo, chiedendo l'estensione del fallimento ai soci illimitatamente responsabili, ai sensi dell’art. 147, comma 4 l. fall.

Leggi dopo

La domanda di preconcordato presentata dall'imprenditore individuale

05 Novembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Novara

Concordato preventivo: disciplina generale

In tema di ammissibilità della domanda di preconcordato, con riferimento all’imprenditore individuale, non può distinguersi tra debiti personali e debiti contratti nell'esercizio dell’attività d’impresa, posto che l’ordinamento giuridico non consente limitazioni della garanzia patrimoniale in funzione della causa sottesa alle obbligazioni assunte.

Leggi dopo

Si all’omologa del concordato se il fallimento costituisce un'alternativa rovinosa

25 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Aosta

Concordato con continuità aziendale

È omologabile il concordato in continuità aziendale quando il fallimento costituirebbe un'alternativa rovinosa per l'interesse del ceto creditorio, se non altro perché la conseguente liquidazione giudiziale comporterebbe inevitabilmente la cessione delle singole attività aziendali e non dell'azienda nel suo complesso, con conseguenti minori ricavi derivanti dalla liquidazione delle singole attività.

Leggi dopo

L'esclusione dal consorzio della società in preconcordato

21 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Venezia

Concordato preventivo: disciplina generale

Legittima la clausola statutaria che preveda l’esclusione ipso jure dal consorzio, “automaticamente e senza necessità di apposita delibera da parte del Consiglio Direttivo”, qualora la società consorziata abbia fatto istanza di ammissione a procedure concorsuali.

Leggi dopo

I limiti in cui può dirsi "sdoganata" l'insolvenza prospettica

10 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Insolvenza

In base all'attuale legge fallimentare l’insolvenza che giustifica una declaratoria di fallimento deve essere attuale, e non semplicemente “prospettica”. È solo “prospettica” l’insolvenza che ancora non si sia verificata, ma di cui sia possibile prevedere l’insorgenza futura in un determinato arco temporale. Pertanto quando una società non abbia alcuna esposizione tributaria o previdenziale, funzioni regolarmente, non sia oggetto di iniziative esecutive o monitorie, appaia in grado di fornire i servizi propri della sua attività, né sia prevedibile che subentri a breve l’impossibilità di pagare i suoi debiti, non può essere dichiarata fallita.

Leggi dopo

Pagine