Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

La “ragionevole possibilità” di non solvenza legittima il recupero dell’IVA

09 Agosto 2019 | di La Redazione

CTP Vicenza, sez. II

Insolvenza

Il diritto al recupero dell’imposta mediante emissione di nota in diminuzione può essere esercitato in presenza della «ragionevole probabilità» che il debito non venga saldato...

Leggi dopo

La sospensione dei contratti nel concordato con riserva

02 Agosto 2019 | di La Redazione

Tribunale di Bergamo

Concordato con riserva

È ammissibile la domanda di sospensione ex art.169-bis l.fall. anche nella fase del cd. concordato in bianco, e quindi anteriormente al provvedimento di ammissione, posto che...

Leggi dopo

Perdita della continuità aziendale e scioglimento della società

31 Luglio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Scioglimento delle società di capitali

Il venir meno della continuità aziendale non integra una causa legale di scioglimento della società, bensì piuttosto, a seconda che sia o meno reversibile, una situazione di insolvenza o crisi.

Leggi dopo

Ritardo nell’adempimento e risoluzione del concordato

23 Luglio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Piacenza

Risoluzione e annullamento del concordato

La risoluzione del concordato preventivo con cessione dei beni ex art. 186 l.fall. presuppone che esso sia venuto meno alla sua funzione in quanto, secondo il prudente apprezzamento del giudice di merito, le somme ricavabili dalla liquidazione dei beni ceduti si rivelino insufficienti, in base ad una ragionevole previsione, a soddisfare – anche in minima parte – i creditori chirografari e, integralmente i creditori privilegiati.

Leggi dopo

La previsione della misura cautelare nell'impossibilità di dichiarare il fallimento

16 Luglio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Catania

Misure cautelari reali

L’impossibilità di dichiarare il fallimento in pendenza del ricorso per concordato preventivo e in attesa del suo esito rende ancor più evidente e necessaria la previsione di un eventuale intervento di natura cautelare, considerato che i creditori sono spogliati con la presentazione della domanda e l’avvio della procedura della possibilità di tutelarsi singulatim con azione esecutive o conservative.

Leggi dopo

La sospensione dei contratti bancari nel concordato

09 Luglio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Bologna

Concordato preventivo: disciplina generale

Rientrano nel novero dei contratti pendenti ex art. 169-bis l.fall., i contratti bancari qualificati dalla dottrina quali contratti innominati misti e caratterizzati dall'anticipazione di denaro e dall'obbligo della banca di incassare i crediti presso terzi, per poi eventualmente consentire la compensazione di partite contrapposte, in quanto, in tali rapporti...

Leggi dopo

Fallimento e trasferimento del bene con pubblico incanto: imposta di registro riferita al prezzo di aggiudicazione

02 Luglio 2019 | di La Redazione

CTR Lombardia, Milano

Vendita con incanto

In tema di imposta di registro, nel caso di trasferimento di un bene da parte di società in fallimento, avvenuto con le forme proprie di una vendita privata ma caratterizzato da un procedimento che ha portato alla determinazione del prezzo attraverso il pubblico incanto, non è consentita la rettifica...

Leggi dopo

È inammissibile la revocatoria dell’atto di scissione

28 Giugno 2019 | di La Redazione

App. Roma

Azione revocatoria fallimentare

Deve ritenersi inammissibile l’azione revocatoria dell’atto di scissione.

Leggi dopo

L’impignorabilità della pensione del sovraindebitato

26 Giugno 2019 | di La Redazione

Tribunale di Pesaro

Sovraindebitamento

Il sovraindebitato ha diritto a trattenere la pensione di cui risulti titolare entro i limiti di impignorabilità prevista per tali emolumenti dall’art. 545 c.p.c., a prescindere dai trattamenti pensionistici di cui beneficia il coniuge.

Leggi dopo

La modificabilità del piano di riparto da parte del curatore

14 Giugno 2019 | di La Redazione

Tribunale di Teramo

Curatore fallimentare: ruolo e funzioni

Il curatore, essendosi avveduto di un errore nella redazione del piano di riparto, in riferimento al quale non sono ancora spirati i termini per proporre reclamo, può apportare modifiche o redigere un piano di riparto in sostituzione, comunicato il quale iniziano a decorrere nuovamente i termini per proporre reclamo.

Leggi dopo

Pagine