Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Commissario giudiziale

Il ruolo del commissario giudiziale nella procedura concordataria

04 Marzo 2016 | di La Redazione

TRIBUNALE DI NAPOLI NORD

Commissario giudiziale

La nomina del commissario giudiziale ai sensi all’art. 163, comma 2, n. 3, l. fall. risponde allo scopo di controllare costantemente la gestione economica-finanziaria dell’impresa e la serietà delle attività di esecuzione del piano concordatario o dell’accordo di ristrutturazione dei debiti, scoraggiare eventuali usi distorti dell’istituto, contenere i costi della procedura, evitando la liquidazione di un distinto compenso in tutti i casi in cui fisiologicamente alla domanda in bianco fa seguito il deposito della proposta e del piano. Sul piano pratico, dunque, il commissario giudiziale è tenuto ad analizzare, in modo critico e tempestivo, il conto economico del periodo successivo al deposito dell’istanza ex art. 161, comma 6, l. fall. e conseguentemente a relazionare al Tribunale sulla eventuale gestione dei beni o continuazione dell’attività imprenditoriale in maniera antieconomica, deve inoltre accertare se vengano compiuti atti in frode ai creditori ai sensi dell’art. 173, comma 1, l. fall. che possano causare un depauperamento dell’attivo e, più in generale, un danno economico ai creditori; nonché verificare il rispetto della legge e degli accordi contrattuali preesistenti da parte dell’imprenditore.

Leggi dopo

Complessità della procedura concordataria e nomina di un collegio di commissari

04 Febbraio 2016 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BERGAMO

Commissario giudiziale

La società può essere ammessa al concordato laddove presenti un nuovo piano concordatario che risolva tutti i profili critici che avevano determinato la dichiarazione di inammissibilità della proposta originaria, attraverso la prosecuzione dell’attività e l’intervento di un soggetto terzo. La complessità di tale procedura, sottolineata dal commissario giudiziale in relazione ai possibili rischi di tenuta del piano di sviluppo industriale, giustifica la nomina di un collegio di commissari in funzione delle esigenze di maggiore efficienza e celerità nella conduzione della procedura, nonostante l’art. 163, comma 2, l. fall. faccia esplicito riferimento alla nomina di un organo monocratico.

Leggi dopo

Concordato, valutazioni del commissario giudiziale

10 Novembre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI TORINO

Commissario giudiziale

La determinazione dei tempi della procedura concordataria, in assenza di più specifiche norme, rientra nella sfera discrezionale e non autonomamente sindacabile del giudice, chiamato a dirigere lo stesso e a governarne, con prudente apprezzamento, l’iter.

Leggi dopo

Concordato in bianco. Quantificazione del compenso del Commissario Giudiziale

22 Ottobre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI ASTI

Commissario giudiziale

Il Commissario Giudiziale, nella procedura ex art. 161, comma 6, l. fall. compie un’attività di vigilanza meramente prodromica alla presentazione  del piano e della proposta di cui all’art. 160 l. fall. pertanto la misura del compenso può quantificarsi nella misura pari ad un quarto rispetto al compenso spettante al Commissario Giudiziale nella procedura di concordato c.d. pieno

Leggi dopo

Nella nomina di commissario giudiziale si può optare per un organo di natura collegiale

16 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE BENEVENTO

Commissario giudiziale

Non sussiste alcun ostacolo di tipo logico o normativo alla nomina di un commissario giudiziale avente natura collegiale. La collegialità dell’organo deve essere però richiesta dalla complessità della procedura ovvero dalla consistenza dell’impresa così che la sua nomina risulti funzionale ad esigenze di maggiore efficienza e rapidità nella conduzione della procedura

Leggi dopo