Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Concordato con riserva

Preconcordato liquidatorio: applicazione ratione temporis della l. n. 132/15

08 Giugno 2016 | di La Redazione

Corte d'Appello di Torino

Concordato con riserva

Le disposizioni introdotte dal d.l. n. 83/2015 (conv. con mod. in l. n. 132/2015) si applicano, ai sensi dell’art. 23, ai procedimenti di concordato preventivo introdotti successivamente all'entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. In caso di domanda prenotativa ex art. 161, comma 6, il procedimento è introdotto dal ricorso di cui al primo e sesto comma della norma e non dal successivo deposito dei piano.

Leggi dopo

Offerta irrevocabile di concordato e legge applicabile ratione temporis

23 Febbraio 2016 | di La Redazione

Tribunale di Ancona

Concordato con riserva

Laddove la domanda di concordo preventivo con riserva, ex art. 161, comma 1, l. fall., sia stata presentata da un terzo prima dell’entrata in vigore della L. n. 132/2015 ( di conversione del D.L. n. 83/2015) non trova applicazione il nuovo testo dell’art. 163-bis, l. fall.

Leggi dopo

Preconcordato e proroga del termine per il deposito del piano in caso di trattative per la vendita dell’azienda

14 Ottobre 2015 | di La Redazione

TRIBUNALE DI VERONA – 18 SETTEMBRE 2015, decr.

Concordato con riserva

È giustificabile l'istanza di proroga del termine per il deposito del piano concordatario quando è motivata dall'esigenza di continuare nelle trattative per la vendita dell'azienda e dalla necessità di predisporre un piano che tenga conto eventualmente della vendita.

Leggi dopo

Contratti di consulenza professionale stipulati dal debitore in preconcordato

16 Luglio 2015 | di La Redazione

TRIBUNALE DI ROMA

Concordato con riserva

Nel concordato preventivo con riserva, l’affidamento di incarichi professionali costituisce un’attività riconducibile agli atti di gestione ordinaria, che il debitore può compiere, ai sensi dell’art. 161, comma 7, l. fall., senza essere autorizzato dal tribunale, purchè si tratti di incarichi connotati di pertinenza e non eccedenza rispetto alle finalità perseguite dall’impresa in concordato: spetta, dunque, al tribunale valutare se i contratti, ancora pendenti nella fase preconcordataria, siano necessari all’ordinaria amministrazione della società e se risultino, quindi, adeguatamente giustificati.

Leggi dopo

Proroga per il deposito del piano anche se è depositata istanza di fallimento

30 Aprile 2015 | di La Redazione

Tribunale di Ravenna

Concordato con riserva

Il deposito sopravvenuto di una istanza di fallimento non impedisce (in presenza degli altri motivi che la giustificano) una proroga del termine ex art. 161 comma 6 l. fall., anche laddove questo sia stato inizialmente concesso in misura superiore a 60 giorni o pari, come nel caso di specie, a 120 giorni.

Leggi dopo

Autorizzazione alla vendita di un bene nella fase di preconcordato

12 Marzo 2015 | di La Redazione

TRIBUNALE DI PADOVA

Concordato con riserva

La vendita di un cespite del patrimonio societario nella fase preconcordataria ha carattere eccezionale, in quanto anticipatoria dell’attività liquidatoria vera e propria, e può essere autorizzata solo se sussiste una concreta urgenza e se è stata esperita una procedura competitiva, strumento atto a garantire la miglior tutela dell’interesse dei creditori.

Leggi dopo

Sospensione dei contratti pendenti nel concordato in bianco

02 Marzo 2015 | di La Redazione

TRIBUNALE DI TREVISO

Concordato con riserva

La sospensione dei contratti in corso di esecuzione disciplinata all’art. 169-bis l. fall. è compatibile con la fase di preconcordato, non essendovi alcuna disposizione che limiti l’applicabilità della disposizione oltre al caso in cui sia già avvenuto il deposito del piano e della proposta. Inoltre la sospensione in sede di concordato in bianco è funzionale, al pari degli altri effetti protettivi stabiliti all’art. 168 l. fall., ad anticipare la salvaguardia dell’integrità del patrimonio del debitore ed a consentirgli di strutturare un piano diretto, anche nell’interesse del ceto creditorio, al superamento della crisi d’impresa.

Leggi dopo

Uso improprio dell’istituto del concordato con riserva

12 Novembre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI ROMA

Concordato con riserva

L’aver omesso di comunicare, in particolare ai creditori, il trasferimento della sede legale della società, avvenuto nelle more di un procedimento prefallimentare, durante il quale è stata, inoltre, presentata domanda di concordato con riserva, insieme al mancato deposito della documentazione minima richiesta dalla legge e alla sopravvenuta conoscenza del fatto che il bilancio relativo all’anno precedente non è stato né predisposto né approvato, sono tutti indici di un uso improprio dell’istituto del concordato con riserva. Tali condotte sono infatti contrarie ai principi di buona fede e lealtà processuale che evidenziano la volontà di utilizzare il concordato prenotativo al solo fine di dilazionare e/o ritardare i tempi del procedimento pre-fallimentare.

Leggi dopo

Decreto di concessione dei termini e doveri del debitore. Deroga al divieto di pagamento dei debiti anteriori

31 Ottobre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI VENEZIA

Concordato con riserva

Il provvedimento con cui il Giudice concede i termini ex art. 161, comma 6, l. fall. non è oggetto di valutazione discrezionale, pertanto il soggetto in crisi che abbia depositato il ricorso di cui al sesto comma dell’art. 161 l. fall. e che abbia valutato con serietà di averne i requisiti, è tenuto ad attivarsi immediatamente al fine di procedere alla predisposizione del piano e della proposta senza dover attendere che il Tribunale emetta il decreto di concessione dei termini.

Leggi dopo

Preconcordato e autorizzazione al pagamento di una rata del piano di dilazione di un debito tributario

09 Ottobre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MONZA

Concordato con riserva

La richiesta, presentata dal debitore in concordato con riserva, di pagare una rata del piano di dilazione di un debito tributario per omesso versamento di ritenute alla fonte, può essere autorizzata, ai sensi dell’art. 161, comma 7, l. fall.

Leggi dopo

Pagine