Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Insolvenza

Conoscenza dello stato di insolvenza e onere probatorio

22 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale di Bergamo

Insolvenza

In tema di conoscenza dello stato di insolvenza, l’onere probatorio va riferito alla conoscenza concreta ed effettiva e non alla mera conoscibilità; tale onere può essere assolto ricorrendo ad elementi meramente presuntivi, se pure caratterizzati dai requisiti della gravità, precisione e concordanza.

Leggi dopo

Nozione di insolvenza di società commerciale in liquidazione

28 Aprile 2015 | di La Redazione

TRIBUNALE DI CAGLIARI

Insolvenza

Lo stato di insolvenza di una società commerciale in liquidazione, quale presupposto per la dichiarazione di fallimento, si realizza in presenza di una situazione d’impotenza, non transitoria, a soddisfare le proprie obbligazioni, dipendente dalla inadeguatezza delle risorse attive rispetto all’esposizione debitoria; di fronte a tale inadeguatezza, sussiste l’esigenza dell’apertura della procedura concorsuale, volta ad assicurare il concorso di tutti i creditori, e quindi l’eguale loro diritto di essere soddisfatti sui beni del debitore, nel rispetto delle eventuali cause legittime di prelazione.

Leggi dopo

Società in liquidazione e valutazione dello stato di insolvenza

31 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI NAPOLI

Insolvenza

Quando la società è in liquidazione, la valutazione del giudice, ai fini dell’applicazione dell’art. 5 l. fall., deve essere diretta unicamente ad accertare se gli elementi attivi del patrimonio sociale consentano di assicurare l’eguale ed integrale soddisfacimento dei creditori sociali, e ciò in quanto - non proponendosi l’impresa in liquidazione di restare sul mercato, ma avendo come esclusivo obiettivo quello di provvedere al soddisfacimento dei creditori sociali, previa realizzazione delle attività sociali, ed alla distribuzione dell’eventuale residuo tra i soci - non è più richiesto che essa disponga, come invece la società in piena attività, di credito e di risorse, e quindi di liquidità, necessari per soddisfare le obbligazioni contratte.

Leggi dopo

Fallimento: verifica dello stato d’insolvenza

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

Tribunale di Modena

Insolvenza

Per l’accertamento dello stato di insolvenza non è sufficiente l’inadempimento di un singolo credito, portato in un titolo esecutivo ancorché non definitivo.

Leggi dopo

Fallimento: Presupposti e legittimazione attiva del creditore

16 Gennaio 2014 | di La Redazione

Tribunale di Monza

Insolvenza

Dopo la soppressione dell'iniziativa d'ufficio, l'esistenza di debiti della società convenuta nei confronti di soggetti diversi dal ricorrente e la loro incidenza sulla manifestazione dello stato d'insolvenza vanno valutate distintamente rispetto al requisito dell'esistenza del credito del ricorrente: i primi rilevano ai fini della valutazione dello stato dell'insolvenza, mentre il secondo rileva ai fini della legittimazione del ricorrente. Se un ricorrente non è legittimato, viene a mancare l'iniziativa del creditore e quindi il necessario atto per la dichiarazione di fallimento.

Leggi dopo