Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

I limiti della fattibilità del piano nel concordato preventivo

21 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Mantova

Fattibilità

Mentre il sindacato del giudice sulla fattibilità giuridica, intesa come verifica della non incompatibilità del piano con norme inderogabili, non incontra particolari limiti, il controllo sulla fattibilità economica, intesa come realizzabilità nei fatti del medesimo, può essere svolto nei limiti nella verifica della sussistenza o meno di una assoluta, manifesta inettitudine del piano presentato dal debitore a raggiungere gli obbiettivi prefissati, individuabile caso per caso in riferimento alle specifiche modalità indicate dal proponente per superare la crisi.

Leggi dopo

Il rapporto tra processo esecutivo e fallimento nell’attribuzione al creditore fondiario

19 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Palermo

Credito fondario

In tema di rapporto tra processo esecutivo e fallimento, l’attribuzione del ricavato della vendita che si effettua in sede esecutiva, laddove sia in corso la procedura fallimentare, ha carattere meramente provvisorio, in quanto è in tale ultima sede che...

Leggi dopo

Sequestro conservativo sui beni di una società per mala gestio

15 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

Può essere disposto il sequestro conservativo ante causam sui beni di una società fallita, volto a garantire la fruttuosità dell’azione di responsabilità per atti di mala gestio, se il creditore abbia fondato timore di perdere la garanzia del proprio credito.

Leggi dopo

Opposizione a decreto ingiuntivo in ambito concordatario e prededuzione del credito del professionista

12 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Crediti prededucibili

In tema di opposizione a decreto ingiuntivo nell'ambito di una procedura di concordato preventivo, la prededuzione del credito del professionista deve essere esclusa in quanto trattasi di attività non riconducibile agli organi della procedura ma al debitore direttamente non strumentale alla procedura concordataria in quanto tradottasi non in un beneficio per il debitore concordatario ma in un aggravio di costi.

Leggi dopo

Fallimento dell'appaltatore ed esercizio dell'azione diretta dei lavoratori nei confronti del committente

05 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale Chieti

Fallimento: disciplina generale

In materia di appalto, l'apertura del procedimento fallimentare nei confronti dell'appaltatore non comporta l'improcedibilità dell'azione precedentemente esperita dai dipendenti nei confronti del committente, ai sensi dell'art. 1676, c.c., per il recupero dei loro crediti verso l'appaltatore-datore di lavoro, atteso che la previsione normativa...

Leggi dopo

Debiti erariali: la legittimazione dell’agente per la riscossione nel concordato

26 Ottobre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Catania

Contenzioso tributario

La legittimazione dell’agente per la riscossione a far valere il credito tributario nell'ambito della procedura concorsuale non esclude la legittimazione dell’Amministrazione finanziaria che conserva la titolarità del credito azionato e la possibilità di farlo valere direttamente nell'ambito della procedura concorsuale.

Leggi dopo

Inammissibile l'opposizione avverso l'ammissione allo stato passivo di un creditore postergato

23 Ottobre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Postergazione

È inammissibile l’opposizione proposta avverso la domanda di ammissione al passivo presentata da un creditore postergato in quanto, se con l’art. 87 del TUB (precedente alla formulazione di cui al d.lgs. n. 181 del 2015), il legislatore ha inteso concedere lo strumento dell’impugnazione giurisdizionale...

Leggi dopo

Inammissibile la domanda di ammissione al passivo se è venuto meno il titolo

12 Ottobre 2018 | di La Redazione

CTP Catania

Ammissione al passivo: effetti, inammissibilità e rinuncia

La domanda di ammissione al passivo proposta dalla Riscossione-Sicilia Spa non può essere accolta qualora il titolo (ruolo), che sorreggeva quella limitata parte della domanda tardiva di ammissione al passivo...

Leggi dopo

Il fallimento in estensione del socio accomandatario di fatto

05 Ottobre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Busto Arsizio

Fallimento in estensione

La dichiarazione di fallimento dell’accomandatario di fatto (occulto) di una S.a.s. non costituisce una nuova ed autonoma dichiarazione di fallimento, ma una dichiarazione di fallimento “in estensione” ai sensi dell’art. 147 l.fall. e non richiede, pertanto, l’accertamento né dello stato di insolvenza, né dell’avvenuto superamento delle soglie di fallibilità perché tali presupposti sono gli stessi già valutati ed individuati con riguardo alla società dichiarata fallita.

Leggi dopo

Inammissibilità del concordato e prededuzione del credito del professionista

01 Ottobre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Modena

Crediti prededucibili

Non può concedersi la prededuzione, nel successivo fallimento, al credito del professionista che ha assistito un debitore nella fase di “preconcordato” qualora la domanda di concordato sia dichiarata inammissibile e – comunque – quando la dichiarazione di fallimento non è preceduta dall'apertura della procedura concorsuale minore; men che meno se erano già pendenti istanze di fallimento. In tali casi l’attività del professionista non può ritenersi funzionale all’accesso alla domanda di concordato.

Leggi dopo

Pagine