Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Falcidia del credito IVA incompatibile coi principi Ue. Rinvio questione pregiudiziale alla Corte di Giustizia

01 Dicembre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI UDINE

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

L’interpretazione secondo cui il divieto posto dall’art. 182 ter l. fall., di prevedere un pagamento soltanto parziale del credito dello Stato per IVA (ammettendo soltanto un pagamento dilazionato nel tempo), è imposta dalla necessità di adeguare l’ordinamento interno alla normativa europea , in particolare ai principi e alle norme contenuti nell’art. 4, par. 3, TUE e nella direttiva 2006/112/CE del Consiglio . Per queste ragioni il Tribunale ritiene doversi rinviare alla Corte di Giustizia dell’Unione europea, come questione pregiudiziale, ai sensi dell’art. 267 TFUE e 93 e ss. del Regolamento di procedura della Corte stessa.

Leggi dopo

Inderogabilità del pagamento integrale di IVA e ritenute anche senza transazione fiscale

01 Dicembre 2014 | di La Redazione

CORTE D’APPELLO DI MILANO

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Alla luce del carattere inderogabile della previsione di cui all’art. 182-ter l. fall., in ordine all’obbligo di pagamento integrale del credito IVA e per ritenute fiscali (inderogabilità che non viene meno neppure qualora il debitore non ritenga di ricorrere all’istituto della transazione fiscale, secondo il costante orientamento della Corte di Cassazione), deve dichiararsi inammissibile una proposta di concordato preventivo che preveda il soddisfacimento parziale dei tributi in esame, incidendo tale questione sulla fattibilità giuridica della proposta e, come tale, soggetta alla valutazione del Tribunale.

Leggi dopo

Inammissibilità del concordato con transazione fiscale con proposta di falcidia del credito Iva

24 Novembre 2014 | di La Redazione

CORTE D'APPELLO DI BOLOGNA
TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

È inammissibile il concordato preventivo che preveda una proposta di transazione fiscale con pagamento del credito IVA in misura inferiore all’importo indicato dall’Agenzia delle Entrate, anche in pendenza di contestazione della pretesa innanzi al Giudice Tributario; difatti, il credito erariale è autodeterminato, caratterizzato da presunzione di veridicità, munito di autotutela esecutiva e l’impugnazione degli atti dell’Amministrazione Finanziaria non rende l’ammontare della pretesa disponibile, né consente un accordo sulla sua determinazione nell’ambito della procedura concordataria.

Leggi dopo

Falcidiabilità del credito IVA nel concordato preventivo

16 Ottobre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BARI

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

È ammissibile, in ambito concordatario, la falcidia del credito Iva, anche al di fuori dell’ipotesi in cui vi sia transazione fiscale, fermo restando che il trattamento Iva e del credito per ritenute contributive e previdenziali, in presenza di transazione, trova giustificazione nello “scambio” tra Erario e debitore, consistente da un lato nel vantaggio rappresentato dal c.d. consolidamento dei debiti e dalla definizione delle liti pendenti, e dall’altro nell’assoggettamento ai limiti di transigibilità dettati con riguardo a Iva e ritenute.

Leggi dopo

Non integrale pagamento credito Iva: questione di legittimità costituzionale degli artt. 160 e 182-ter l. fall.

07 Marzo 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI VERONA

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

In tema di concordato preventivo, viene dichiarata non manifestamente infondata e rilevante la questione di illegittimità costituzionale del combinato disposto degli art. 160 e 182-ter l. fall. con riferimento all’art. 97 della Costituzione nella parte in cui, rendendo necessariamente inammissibile la proposta che non preveda l’integrale pagamento dell’Iva ancorché risorsa propria della Unione Europea) non consente alla p.a. di valutare in concreto, e nel singolo caso proposto e quindi senza generalizzazione, la convenienza della proposta e del piano dell’imprenditore che prospettino un grado di soddisfazione del credito per iva in misura pari al valore delle attività del proponente ed in misura superiore a quella ricavabile dalla procedura fallimentare ed anche in relazione all’art. 3 della Costituzione nella parte in cui non consente alla P.a., contrariamente a quanto accade per tutti i creditori privilegiati, di accettare, in relazione a crediti Iva un pagamento inferiore al credito ma superiore a quello ricavabile dalla liquidazione del patrimonio del debitore.

Leggi dopo

Concordato preventivo: il divieto di falcidia dell’Iva opera solo in presenza di transazione fiscale

28 Gennaio 2014 | di La Redazione

CORTE D'APPELLO DI GENOVA

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Il divieto di falcidia del credito Iva è previsto esclusivamente dall’art. 182-ter l. fall., che è norma eccezionale, insuscettibile tanto di applicazione analogica quanto di applicazione estensiva, in assenza di una eadem ratio. Tale divieto, pertanto, trova applicazione solo in caso di proposta concordataria contenente una transazione fiscale, che è sub-procedimento di natura facoltativa, e non opera nell’ambito della disciplina generale del concordato di cui all’art. 160 l. fall.

Leggi dopo

Concordato preventivo - Falcidiabilità dell’Iva e delle ritenute

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI COMO

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

E’ ammissibile la falcidia del credito dell’erario per l’Iva, al pari di tutti gli altri crediti muniti di privilegio generale, con l'unico limite sancito dall'art. 160, comma 2, l. fall., ivi compreso quello del rispetto dell'ordine delle cause legittime di prelazione.

Leggi dopo

Inammissibile il pagamento non integrale del debito Iva

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI IVREA

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Anche nel caso in cui il debitore non faccia ricorso all’istituto della transazione fiscale (art. 182-ter l. fall.) è comunque inammissibile un pagamento non integrale del debito da Iva, ciò che può essere  ammesso e solamente la dilazione del pagamento.

Leggi dopo

Il divieto di falcidia dell’Iva ha natura eccezionale

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI COSENZA

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

La previsione contenuta nell’art. 182 ter l. fall. che non consente un pagamento non integrale dell’Iva non può essere estesa al concordato preventivo senza transazione fiscale, in quanto si tratta di una norma avente natura eccezionale.

Leggi dopo

Concordato preventivo con riserva – Falcidiabilità dell’Iva e transazione fiscale ex art. 182-ter l. fall.

16 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

E’ ammissibile una proposta di concordato preventivo, ai sensi dell’art. 161, comma 6, l. fall., che preveda il pagamento parziale dell’Iva: la disposizione di cui all’art. 182-ter, comma 1, l. fall., opera esclusivamente quando l’imprenditore voglia, e soprattutto possa, avvalersi dei vantaggi dell’istituto della transazione fiscale (quali il c.d. consolidamento del debito tributario e l’estinzione dei giudizi pendenti) avendone le risorse.

Leggi dopo

Pagine