Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Concordato con continuità aziendale

Gare pubbliche e prosecuzione di contratti pubblici

02 Settembre 2016 | di La Redazione

Tribunale di Trento

Concordato con continuità aziendale

Una società sottoposta a concordato con continuità aziendale può essere autorizzata dal giudice delegato a partecipare a procedure di affidamento di concessioni e appalti di lavoro, fornitura e servizi, ad essere affidataria di subappalti, ed a proseguire i contratti pubblici già stipulati nel caso in cui il bando di gara o l’avviso sia stato pubblicato successivamente alla data di entrata in vigore del D. Lgs. n. 50/2016.

Leggi dopo

Concordato in continuità e affitto d’azienda: incompatibilità

11 Luglio 2016 | di La Redazione

Tribunale di Como

Concordato con continuità aziendale

In tema di concordato, deve escludersi la compatibilità dell’affitto di azienda con la continuità aziendale: dal momento del deposito della domanda di concordato in avanti, l’azienda in esercizio deve essere gestita direttamente dall’impresa in concordato, attraverso la diretta gestione e la conseguente assunzione diretta del rischio imprenditoriale.

Leggi dopo

Concordato con continuità indiretta e soglia minima di soddisfazione dei chirografari

31 Maggio 2016 | di La Redazione

Tribunale di Torre Annunziata

Concordato con continuità aziendale

L’esenzione dall’obbligo di assicurare una percentuale minima di soddisfacimento dei creditori chirografari prevista dal comma 5 dell’art. 160 l. fall., facendo riferimento all’art. 186-bis senza ulteriore specificazioni e/o limitazioni, si riferisce al concordato in continuità sia nella forma diretta che indiretta.

Leggi dopo

Esecuzione del concordato con continuità aziendale

24 Maggio 2016 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Concordato con continuità aziendale

A differenza del concordato con cessione, nel quale il risultato economico per i creditori dipende dall’esito più o meno positivo delle operazioni di liquidazione dei beni, nel concordato con continuità aziendale (definito anche “con garanzia”) la percentuale di soddisfacimento dei creditori è certa e vincolante.

Leggi dopo

Cessazione dell’attività d’impresa e concordato preventivo in continuità: incompatibilità

21 Ottobre 2015 | di La Redazione

CORTE D'APPELLO DI FIRENZE

Concordato con continuità aziendale

E’ inammissibile la proposta di concordato con continuità aziendale formulata dopo la cessazione dell’attività di impresa: la sola modalità concordataria compatibile con la cessazione dell’attività di impresa è quella con finalità liquidatoria, ovvero di dismissione del patrimonio aziendale per sopravvenuta incapacità dell’azienda di proseguire l’attività.

Leggi dopo

Concordato preventivo con continuità aziendale e affitto d’azienda

16 Aprile 2015 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BOLZANO

Concordato con continuità aziendale

L’affitto d’azienda, indipendentemente dalla circostanza che venga stipulato prima della presentazione della domanda di concordato preventivo o nel corso della procedura concordataria in vista di una successiva cessione d’azienda, è compatibile con l’applicazione della disciplina del concordato preventivo con continuità aziendale di cui all’art. 186-bis l. fall.: l’affitto d’azienda, infatti, rappresenta uno strumento giuridico ed economico idoneo a scongiurare la perdita di efficienza del complesso aziendale e funzionale al raggiungimento degli obiettivi di conservazione dell’impresa e di soddisfacimento dei creditori.

Leggi dopo

Concordato in continuità, rapporti pendenti e principio di scadenza del debito al momento della domanda

05 Novembre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MILANO

Concordato con continuità aziendale

Possono considerarsi pendenti nel concordato preventivo con continuità i soli contratti che potrebbero essere considerati pendenti anche nel fallimento e, quindi, i soli contratti a prestazioni corrispettive in cui le reciproche prestazioni siano ineseguite anche parzialmente da entrambe le parti ai termini dell’art. 72 l. fall.

Leggi dopo

Concordato con continuità: false attestazioni, consenso informato e valutazione del Tribunale

24 Ottobre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI TORINO

Concordato con continuità aziendale

L’art. 236 - bis ha una portata più ampia rispetto all’art. 173 l. fall: riguarda qualsiasi informazione rilevante perché i creditori possano esprimere il proprio consenso. La materia delle informazioni contenute nell’attestazione non è riservata solo al consenso informato dei creditori ma ricade nella sfera di controllo del Tribunale, salvo voler interpretare il disposto dell’art. 178, comma 4, l. fall come silenzio – assenso e quindi qualificare come consenso informato anche quello che si fondi su dati che il Tribunale abbia dichiarato falsi.

Leggi dopo

Concordato: qualificazione della continuità aziendale e affitto d’azienda

17 Ottobre 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO – SEZ. II – 1 OTTOBRE 2014, decr.

Concordato con continuità aziendale

Poiché il piano concordatario prende avvio non dalla data di ammissione del debitore alla procedura bensì dalla successiva omologazione, per qualificare un concordato come in continuità occorre fare riferimento alla gestione dell’azienda, che deve essere in esercizio, nella fase di attuazione ed esecuzione del piano.

Leggi dopo

Nel concordato in continuità le percentuali di soddisfacimento dei creditori indicate nel piano sono vincolanti

11 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BERGAMO

Concordato con continuità aziendale

Nel concordato con continuità aziendale l’indicazione della percentuale di soddisfacimento dei creditori deve ritenersi vincolante e non meramente orientativa, come avviene invece nel concordato liquidatorio: se così non fosse, sarebbe vanificata la prescrizione di cui all’art. 186-bis, comma 2, lett. b) l. fall., che impone l’attestazione della convenienza, per i creditori, della proposta in continuità rispetto all’alternativa liquidatoria.

Leggi dopo

Pagine