Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Concordato: atto di destinazione ex art. 2645-ter c.c. ed effetti nei confronti del garante

07 Gennaio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Firenze

Concordato preventivo: disciplina generale

La segregazione immobiliare realizzata ex art. 2645-ter c.c. non può farsi rientrare, ai fini dell’applicazione del c.d. pignoramento revocatorio, nella categoria degli atti a titolo gratuito, presupposto essenziale per l’operatività dell’art. 2929-bis c.c.

Leggi dopo

L’estensione del fallimento al soggetto corresponsabile

03 Gennaio 2019 | di La Redazione

Corte di appello di Venezia

Fallimento in estensione

L’estensione del fallimento al soggetto corresponsabile ex art. 38 c.c. trova il suo fondamento nell’art. 147 l.fall., che prevede appunto l’estensione ai soci del fallimento della società con soci illimitatamente responsabili. Una volta stabilito...

Leggi dopo

Revocatoria: la conoscenza dello stato di insolvenza da parte del terzo contraente può essere provata dal curatore

02 Gennaio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Como

Azione revocatoria fallimentare

In tema di revocatoria fallimentare ex art. 67, comma 2, l.fall., la conoscenza dello stato di insolvenza dell'imprenditore da parte del terzo contraente, che deve essere effettiva e non meramente potenziale, può essere provata dal curatore, su cui incombe il relativo onere probatorio, tramite presunzioni gravi, precise e concordanti. Per l’accertamento della scientia decoctionis...

Leggi dopo

Azioni derivanti dal fallimento e competenza del tribunale fallimentare

20 Dicembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Civitavecchia

Azioni che derivano dal fallimento

In tema di domanda proposta dal socio di una società fallita nei confronti del fallimento volta all'accertamento della nullità del conferimento in natura ed alla restituzione dello stesso, l’azione è per sua natura derivante dal fallimento ed attratta alla competenza funzionale del tribunale fallimentare ex art. 24 l.fall..

Leggi dopo

La cessione d’azienda in esercizio nel concordato con continuità

13 Dicembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Genova

Concordato con continuità aziendale

Con la cessione dell'azienda in esercizio, l'imprenditore garantisce il pagamento della maggior parte del ceto creditorio realizzando in pieno i principi che stanno alla base del concordato in continuità ovvero il permanere dell'azienda sul mercato ed il pagamento dei creditori in prevalenza con il risultato della liquidazione dell'azienda.

Leggi dopo

Gli effetti della dichiarazione di fallimento nei confronti dei terzi

10 Dicembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Dichiarazione di fallimento

Ai sensi dell'art. 16, comma 2, l. fall., nei confronti dei terzi, la sentenza dichiarativa di fallimento produce i suoi effetti non dalla data della sua pubblicazione (la quale rileva, invece, per gli effetti che interessano il fallito e gli organi della procedura), ma dalla data di iscrizione nel Registro delle Imprese, e non vi è dubbio che...

Leggi dopo

La soddisfazione del credito fondiario in sede esecutiva individuale

04 Dicembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Treviso

Credito fondario

Il creditore fondiario può essere soddisfatto in sede esecutiva individuale solo se è stato ammesso al passivo del fallimento.

Leggi dopo

Concordato e prededuzione del credito del professionista

29 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Rimini

Concordato preventivo: disciplina generale

La prededuzione del credito del professionista che ha prestato assistenza in vista della proposizione di una domanda di concordato discende direttamente dall’art. 111, comma 2, l.fall., il credito ha de plano carattere di “strumentalità” rispetto al concordato ed è quindi dotato automaticamente del requisito della funzionalità.

Leggi dopo

I limiti della fattibilità del piano nel concordato preventivo

21 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Mantova

Fattibilità

Mentre il sindacato del giudice sulla fattibilità giuridica, intesa come verifica della non incompatibilità del piano con norme inderogabili, non incontra particolari limiti, il controllo sulla fattibilità economica, intesa come realizzabilità nei fatti del medesimo, può essere svolto nei limiti nella verifica della sussistenza o meno di una assoluta, manifesta inettitudine del piano presentato dal debitore a raggiungere gli obbiettivi prefissati, individuabile caso per caso in riferimento alle specifiche modalità indicate dal proponente per superare la crisi.

Leggi dopo

Il rapporto tra processo esecutivo e fallimento nell’attribuzione al creditore fondiario

19 Novembre 2018 | di La Redazione

Tribunale di Palermo

Credito fondario

In tema di rapporto tra processo esecutivo e fallimento, l’attribuzione del ricavato della vendita che si effettua in sede esecutiva, laddove sia in corso la procedura fallimentare, ha carattere meramente provvisorio, in quanto è in tale ultima sede che...

Leggi dopo

Pagine