Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Locazione con canone vile: spetta al giudice dell'esecuzione l'accertamento

02 Febbraio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Rimini

Locazione

La valutazione della “viltà” del canone di locazione può essere compiuta non solo su espressa domanda od eccezione del soggetto acquirente l’immobile pignorato ma anche, a monte, nell’ambito della stessa procedura espropriativa immobiliare, in particolare...

Leggi dopo

L’efficacia dell’iscrizione ipotecaria nel fallimento

01 Febbraio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Mantova

Fallimento: disciplina generale

Nella procedura fallimentare non opera il termine ventennale di efficacia dell'iscrizione ipotecaria, disposto dall'art. 2847 cc, per cui il diritto reale di garanzia rimane valido ed efficace nei rapporti endofallimentari tra creditore e debitore, fino alla chiusura del fallimento.

Leggi dopo

Opposizione allo stato passivo e contratto di leasing pendente

27 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Napoli

Opposizione al passivo

In tema di effetti del fallimento su preesistente rapporto di leasing, ai sensi dell’art. 72 quater l.fall., il concedente, in caso di fallimento dell’utilizzatore e di opzione del curatore per lo scioglimento del vincolo contrattuale, non può richiedere...

Leggi dopo

La liquidazione giudiziale dei fondi d’investimento multicomparto

26 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Fondi comuni di investimento

L’estensione della liquidazione giudiziale a tutto il fondo multicomparto, qualora lo stato d’insolvenza e di crisi investa un solo comparto, sarebbe contraria alla consistenza ontologia del comparto, alla sua unicità di politica di investimento e al postulato dell’autonomia patrimoniale di ciascun comparto.

Leggi dopo

Le cause di ineleggibilità dei sindaci ex art. 2399 c.c. nel fallimento

24 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Bologna

Fallimento: disciplina generale

Qualora l’attività di consulenza prestata per una società fallita sia svolta dallo studio professionale di cui sia membro il sindaco, ciò che rileva è il rapporto associativo fra il sindaco ed il consulente, per cui occorre valutare i profili di compromissione patrimoniale verificando..

Leggi dopo

Compenso dell’attestatore ed esecuzione delle prestazioni professionali

23 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Monza

Attestatore

La predeterminazione del compenso attiene alla quantificazione dello stesso per la prestazione compiutamente svolta sul presupposto che la stessa sia completata come da mandato conferito. Ove la prestazione non sia compiutamente eseguita...

Leggi dopo

Il nesso di funzionalità nei finanziamenti ex art. 182 quater l.fall.

20 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Bergamo

Finanziamenti nelle procedure concorsuali

Il nesso di funzionalità che deve caratterizzare l’istituto del finanziamento-ponte previsto dall’art. 182 quater l. fall., affinchè da esso possa derivare il riconoscimento della prededuzione al credito maturato dal finanziatore, va necessariamente valutato nella prospettiva dell’ammissione alla procedura di concordato.

Leggi dopo

Concordato non omologato e credito del professionista

18 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Arezzo

Concordato preventivo: disciplina generale

In presenza di una proposta concordataria ritenuta non giuridicamente fattibile non è dato cogliere la rispondenza dell’attività professionale espletata ed il conseguente credito che ne deriva, con gli scopi della procedura.

Leggi dopo

Società e concordato: le azioni esecutive verso i soci

13 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Cuneo

Divieto di azioni esecutive e cautelari

La disposizione contenuta nell’art. 184 l.fall., che estende ai soci illimitatamente responsabili di società di persone l’efficacia remissoria del concordato preventivo, si riferisce ai soli debiti sociali, nel senso che il pagamento della percentuale concordataria ha effetto liberatorio anche nei loro confronti, senza con ciò determinare l’estensione della procedura al patrimonio dei soci, che resta estraneo ad essa.

Leggi dopo

Grave inadempimento e risoluzione del concordato

12 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Treviso

Risoluzione e annullamento del concordato

Sussiste grave inadempimento e va dichiarata la risoluzione del concordato, qualora risultino variazioni rispetto alla situazione in cui i creditori avevano espresso il loro voto, e le prospettive di soddisfacimento siano divenute del tutto incerte nei tempi e nella misura del soddisfacimento stesso.

Leggi dopo

Pagine