Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Rapporti tra misura cautelare penale e procedura concorsuale: la confisca non prevale necessariamente sul fallimento

28 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI PESCARA

Fallimento: disciplina generale

In presenza di sequestro preventivo finalizzato alla confisca obbligatoria, disposto dal Gip sui beni dell’imputato, in caso di azienda sottoposta a procedura concorsuale, la misura cautelare penale non è necessariamente prevalente e insensibile agli interessi dei creditori: nella valutazione dei contrapposti interessi, cui sono finalizzati la misura cautelare e la procedura concorsuale, l’esigenza che lo Stato acquisisca il profitto del reato risulta tutelata anche assicurando la destinazione dei beni ai creditori fallimentari, sotto la supervisione gestionale della curatela. Occorre evitare che, pur attraverso la procedura fallimentare, i beni tornino nella disponibilità del reo, perché ciò vanificherebbe le cautele socialpreventive che la misura cautelare intende tutelare.

Leggi dopo

Riapertura del fallimento di società cancellata dal Registro delle imprese

28 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI PRATO

Riapertura del fallimento

Qualora emergano nuove sopravvenienze attive ovvero attività preesistenti, dopo la cancellazione dal registro delle imprese di una società già dichiarata fallita, può ammettersi la riapertura del fallimento entro il termine quinquennale di cui all’art. 121 l. fall., quindi anche oltre il termine di un anno dalla cancellazione, ex art. 10 l. fall., al fine di evitare un’ingiustificata compressione dei diritti dei creditori e garantire, così, la par condicio creditorum.

Leggi dopo

Esenzione da fallimento di società inattiva: computo del triennio ex art. 1 l. fall.

24 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI ASTI

Vendite nelle procedure concorsuali

I presupposti richiesti dal secondo comma dell’art. 1 l. fall. ai fini dell’esenzione del fallimento devono sussistere “nei tre esercizi antecedenti alla data di deposito del fallimento”.

Leggi dopo

Non prededucibile il finanziamento stipulato dopo l’apertura della procedura concordataria

23 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI S.M. CAPUA VETERE

Prededuzione

Il credito relativo alla somma concessa ad un’impresa ammessa al concordato preventivo per l’anticipo delle spese di procedura non è prededucibile: il relativo contratto di finanziamento non rientra, infatti, né nella fattispecie dei finanziamenti c.d. ponte, di cui all’art. 182-quater, comma 2, l. fall., né in quella dei finanziamenti c.d. interinali, previsti dall’art. 182-quinquies l. fall.

Leggi dopo

Società cancellata dal Registro delle imprese: la domanda di concordato è inammissibile

22 Aprile 2014 | di La Redazione

Tribunale di Padova

Cancellazione dal registro delle imprese

La norma contenuta nell’art. 10 l. fall. secondo la quale “gli imprenditori individuale e collettivi possono essere dichiarati falliti entro un anno dalla cancellazione del registro delle imprese” è una norma eccezionale, essendo la regola l’impossibilità, per una società non più esistente a causa della cancellazione dal registro delle imprese, di intraprendere una causa o di esservi convenuta.

Leggi dopo

Non è prededucibile il credito del subappaltatore pubblico di società fallita

17 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI PAVIA

Appalto pubblico

La ratio dell’art. 118, comma 3, Cod. Appalti consiste sia nella tutela della posizione dei subappaltatori, i cui crediti sono garantiti direttamente mediante pagamento della stazione appaltante (o indirettamente, tramite controllo della certificazione confessoria dell’avvenuto pagamento da parte dell’appaltatore – fatture quietanzate), sia nella tutela della stazione appaltante stessa, non esposta ad eventuali doppi pagamenti.

Leggi dopo

Reclamo avverso la revoca del concordato in continuità e dichiarazione di fallimento: fattibilità, attestazione, atti in frode

17 Aprile 2014 | di La Redazione

CORTE D'APPELLO DI BOLOGNA

Consecuzione di procedure

Laddove il debitore proponga un concordato preventivo omettendo volontariamente di fornire elementi informativi rilevanti per i creditori, deve procedersi alla revoca, ex art. 173 l. fall., senza possibilità di emendare ex post tale comportamento fraudolento.

Leggi dopo

Domanda di risoluzione del concordato: decorrenza del termine

16 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI RAVENNA

Risoluzione e annullamento del concordato

Il termine annuale per la proposizione della domanda di risoluzione di un concordato preventivo liquidatorio decorre dalla conclusione delle operazioni di liquidazione soltanto se la proposta omologata non indichi un termine preciso per l’adempimento delle obbligazioni concordatarie. Trattasi di un termine di decadenza che non ammette interruzione o sospensione.

Leggi dopo

Contratti pendenti e fattibilità della proposta concordataria

14 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MODENA

Rapporti giuridici preesistenti nel concordato

La prosecuzione o lo scioglimento di un contratto pendente ex art. 169-bis l. fall., pur non costituendo un elemento della proposta concordataria e del piano sottoposti e subordinati al voto dei creditori, costituiscono comunque una scelta che ha ricadute sul trattamento dei crediti e, quindi, incide sulla fattibilità del piano. Pertanto il debitore deve prendere una posizione sulle sorti dei contratti in corso già nel momento in cui struttura la proposta concordataria.

Leggi dopo

Concordato: pagamento di oneri in prededuzione nella fase post omologa e mancata indicazione di poste passive

11 Aprile 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI ROMA

Prededuzione

Con l’omologazione del concordato preventivo con cessione dei beni si crea un vincolo di destinazione sui beni, per cui nulla di quanto ricavato dalla liquidazione potrà essere utilizzato per soddisfare soggetti le cui pretese creditorie siano sorte in un momento successivo rispetto all’omologazione, ad eccezione dei creditori per spese di giustizia, nonché dei creditori rispetto ai quali sia già stata indicata nel piano una previsione di spesa in loro favore. Qualsiasi spesa non indicata nel piano, infatti, non può essere ritenuta legittima se compiuta in una fase successiva all’omologazione in quanto tale spesa non sarebbe stata sottoposta al voto del ceto creditorio, condizione inderogabile per la liceità dell’atto.

Leggi dopo

Pagine