Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Incompatibilità del professionista attestatore e revoca del concordato

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MODENA

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

E’ inammissibile la domanda di concordato preventivo fondata su un piano attestato da un professionista privo dei requisiti di indipendenza di cui all’art. 67, comma 3, lett. d), l. fall.

Leggi dopo

Concordato straordinario nella prospettiva della conservazione dell’impresa – la realizzazione di un giusto equilibrio tra interessi contrapposti

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI PALERMO

Concordato straordinario

In sede di omologa del concordato proposto da un’impresa in amministrazione straordinaria ai sensi dell’art. 78 D.Lgs. 270/1999, il Tribunale è chiamato a operarne una valutazione anche nel merito, tenendo nel debito conto tutte le circostanze del caso concreto e i diversi interessi coinvolti.

Leggi dopo

Concordato con continuità aziendale e requisiti di ammissibilità

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI FIRENZE

Concordato con continuità aziendale

Risulta applicabile la disciplina dettata dall’art. 186-bis l. fall. ed i relativi benefici anche all’ipotesi di piano concordatario che preveda la prosecuzione dell’attività di impresa tramite l’affitto d’azienda, dovendosi rintracciare la prevista “cessione dell’azienda in esercizio” allorquando, essendo stato già attuato l’affitto d’azienda, sia altresì prevista la cessione d’azienda al medesimo affittuario, che in tal senso si è impegnato sottoscrivendo la proposta d’acquisto.

Leggi dopo

Il concordato è revocabile ex art. 173 l. fall. per atti straordinari non autorizzati solo in presenza di un pregiudizio per i creditori

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI LATINA

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

Un atto straordinario, compiuto dal debitore concordatario senza autorizzazione, è sempre inefficace ai sensi dell’art. 167 l. fall., ma non determina automaticamente l’arresto della procedura: per la revoca dell’ammissione al concordato ex art. 173 l. fall. è, infatti, richiesto che tale atto sia intenzionalmente diretto a ledere le ragioni dei creditori e che produca in capo a questi ultimi un concreto pregiudizio

Leggi dopo

Inammissibilità del concordato per irragionevole durata della liquidazione

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MODENA

Fattibilità

La valutazione sull’irragionevole durata del concordato spetta al giudice in quanto costituisce una condizione di ammissibilità della domanda, investendo un giudizio sulla fattibilità giuridica del piano.

Leggi dopo

Fallimento: non è prededucibile il compenso professionale che non ha portato vantaggi agli interessi del ceto creditori

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI ROMA

Prededuzione

Il compenso per prestazione professionale non può ritenersi prededucibile, ex art. 111 l. fall., in quanto non determinante la nascita di un credito funzionale alla procedura concorsuale, quando l’attività professionale sia riferita, come nel caso di specie, ad un’attività prodromica al fallimento della società, relativa ad una procedura di concordato preventivo poi dichiarata inammissibile dal tribunale.

Leggi dopo

Società a partecipazione pubblica e fallimento

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI PALERMO

Società a partecipazione pubblica

Per poter imprimere ad una società a partecipazione pubblica la qualificazione di “ente pubblico”, è necessaria l'espressa previsione legislativa in tal senso, non risultando abrogato l'art. 4 L. n. 70/1975.

Leggi dopo

Concordato in bianco e sospensione feriale dei termini processuali

17 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI TERNI

Sospensione feriale dei termini

Il termine per il deposito della proposta, del piano e della documentazione fissato dal Tribunale ai sensi e per gli effetti del sesto comma dell’art. 161 l. fall. ha natura processuale e, quindi, il suo decorso è sospeso di diritto ex art. 1 L. 742/1969 dal 1° agosto al 15 settembre.

Leggi dopo

Concordato: atti in frode rilevanti ai fini della revoca dell’ammissione

16 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI PADOVA

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

Atti di frode ai sensi dell’art. 173 l. fall. non sono gli interventi sul patrimonio del debitore (cessione di azienda senza perizia estimatoria), ma solo l’attività del proponente il concordato volta ad occultarlo in modo da poter alterare la percezione dei creditori circa la reale situazione del debitore influenzando il loro giudizio.

Leggi dopo

Fallimento: imprese in crisi e deroghe al diritto alla prosecuzione del rapporto di lavoro in caso di trasferimento d’azienda

16 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI ROMA

Rapporti di lavoro

Il nuovo comma 4-bis dell’art. 47 l. 428/90 distingue i casi in cui sia intervenuta la dichiarazione dello stato di crisi aziendale ai sensi della l. 675/77 dalle altre ipotesi di procedure concorsuali (fallimento, concordato preventivo), di liquidazione coatta amministrativa e della amministrazione straordinaria di grandi imprese in crisi di cui al D.Lgs. 270/99. Nel caso di grave crisi aziendale è possibile stipulare un accordo sindacale con cui sono definiti i limiti entro i quali trova applicazione l’art. 2112 c.c. a condizione che preveda il mantenimento anche parziale dell’occupazione. Nel secondo caso è possibile derogare all’art. 2112 c.c. qualora sia stipulato un accordo che preveda il mantenimento anche parziale dell’occupazione.

Leggi dopo

Pagine