Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Prededucibilità dei crediti derivanti da finanziamenti effettuati in esecuzione del concordato

15 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MILANO

Prededuzione

Prima dell’introduzione dell’art. 182-quater, comma 1, l. fall., i debiti che l’impresa ha contratto nel corso dell’esecuzione del concordato, in caso di successiva risoluzione della procedura e dichiarazione di fallimento, avevano natura concorsuale, in base alla previsione dell’art. 111 l. fall. che limitava la prededuzione ai crediti sorti in funzione o in occasione di una procedura concorsuale.

Leggi dopo

Azione revocatoria: presupposti ed esenzioni

15 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MILANO

Azione revocatoria fallimentare

L’elemento soggettivo della scientia decoctionis, necessario, insieme all’eventus damni per l’esperimento dell’azione revocatoria fallimentare ex art. 67 l. fall., consiste nella consapevolezza dell’accipiens circa la situazione di oggettiva incapacità del debitore all’adempimento delle proprie obbligazioni.

Leggi dopo

Effetti della rinuncia all’istanza di fallimento in sede di reclamo

14 Gennaio 2014 | di La Redazione

CORTE D'APPELLO DI MILANO

Rinuncia all'ammissione

Il creditore, che chiede il fallimento del proprio debitore insolvente, non può limitarsi a qualificarsi come creditore (come era ritenuto sufficiente prima della riforma) ma deve fornire la prova del proprio credito.

Leggi dopo

Cessazione della competenza del tribunale fallimentare in seguito all’omologazione del concordato fallimentare

14 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MILANO

Tribunale fallimentare

L’art. 24 l. fall. attribuisce al tribunale la competenza relativa a tutte le azioni derivanti dalla dichiarazione di fallimento, pertanto, dopo il passaggio in giudicato della sentenza di omologazione del concordato fallimentare e la conseguente chiusura del fallimento, viene meno la vis attractiva del tribunale fallimentare.

Leggi dopo

Concordato: il credito del professionista attestatore non è prededucibile in caso di valutazione negativa sulla fattibilità del piano

13 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BERGAMO

Prededuzione

Il presupposto della prededucibilità del credito del professionista risiede nella funzionalità della prestazione alle procedure concorsuali, da intendersi come utilità rispetto alla prospettiva della presentazione di una domanda di concordato preventivo o, nel caso di successivo fallimento, come concreta utilità ai fini dell’apertura della procedura fallimentare. La relazione attestatrice, ex art. 161 l. fall., che esprima una valutazione negativa sulla fattibilità del piano concordatario non è funzionale né alla procedura concordataria né a quella fallimentare, di conseguenza il credito professionale non può essere ammesso in prededuzione ex art. 111 l. fall.

Leggi dopo

Atti in frode e revoca dell’ammissione al concordato preventivo

13 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BERGAMO

Atti di frode

Qualora, successivamente all’ammissione alla procedura di concordato preventivo, il commissario giudiziale verifichi che, prima della presentazione della domanda di concordato, furono commessi atti in frode da parte della società, si determina una causa di improcedibilità della domanda. Pertanto si aprirà il procedimento per la revoca dell’ammissione al concordato e, se ne sussistono i presupposti, vi sarà dichiarazione di fallimento.

Leggi dopo

Esdebitazione: limiti alla concessione dell’istituto

13 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BERGAMO

Esdebitazione

Il dettato normativo contenuto al comma 2 dell’art. 142 l. fall., secondo il quale, “l’esdebitazione non possa essere concessa qualora non siano stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali” deve essere interpretato nel senso che per la concessione dell’esdebitazione, oltre ai presupposti contenuti al primo comma, è necessario che ogni singolo creditore sia stato, almeno parzialmente, soddisfatto dal fallito.

Leggi dopo

Concordato: proroga dei termini per il deposito della proposta, del piano e della documentazione e calcolo del dies a quo

13 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BERGAMO

Concordato preventivo: disciplina generale

Nella procedura concordataria, la concessione della proroga di 120 giorni, e di ulteriori 60 giorni, dei termini per il deposito della proposta, del piano e della documentazione, ai sensi dell’art. 161, comma 6, l. fall., configura una fattispecie di termine unico prorogato, e nessuna proroga “interna” può computarsi, ex art. 155, comma 5, c.p.c., al fine di determinare la definitiva scadenza del termine.

Leggi dopo

Profili di inammissibilità del concordato preventivo: rispetto delle classi dei creditori, cash flow e falcidia dell’Iva

13 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI BERGAMO

Inammissibilità della proposta di concordato

Non può essere omologata una domanda di concordato preventivo con continuità aziendale che preveda la degradazione al chirografo dei crediti erariali assistiti da una causa di prelazione generale senza che ne sussistano i requisiti di legge.

Leggi dopo

Opponibilità al fallimento della cessione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione

13 Gennaio 2014 | di La Redazione

TRIBUNALE DI MILANO

Cessione del credito

Il mancato deposito di osservazioni al progetto di stato passivo non comporta né acquiescenza, né alcuna decadenza, per cui non preclude la proposizione dell'opposizione allo stato passivo dichiarato esecutivo.

Leggi dopo

Pagine