Focus

Focus su Concordato con continuità aziendale

La continuità aziendale "rifinanziata" ha nuova prevalenza sulle procedure concorsuali emergenziali. Una casistica da riordinare?

27 Aprile 2020 | di Mariacarla Giorgetti

Concordato con continuità aziendale

Com'è noto, il D.L. 8 aprile 2020, n. 23, in vigore dal 9 aprile 2020, introduce misure urgenti, contenute nel capo II, volte a garantire la continuità delle imprese colpite dall'emergenza Covid 19. La continuità aziendale assume nuova prevalenza, mentre la liquidazione concorsuale è rinviata e tornerà ad essere applicabile con l'insieme dei procedimenti che la governano al termine del periodo emergenziale. In questa nuova prevalenza, il Legislatore disegna una serie di raccordi ed individua soluzioni normative con le quali la continuità aziendale e le misure che la assicurano sono rafforzate rispetto alla liquidazione fallimentare.

Leggi dopo

Il Codice della crisi e le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo (II)

06 Aprile 2020 | di Giorgio Orano

Concordato con continuità aziendale

L'analisi compiuta nell'articolo precedente (Il Codice della crisi e le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo - I) conferma che il legislatore del 2019 non ha risentito, nonostante gli allarmanti segnali provenienti dalle aule fallimentari, di alcuna nostalgia per il concetto di meritevolezza, evidentemente considerata ormai retaggio di una visione delle procedure concorsuali obsoleta e felicemente superata. Il che ha avuto però l'effetto, difficile dire se compreso e voluto, di rendere l'accesso alla procedura compatibile con ogni forma di pregressa gestione illecita della società.

Leggi dopo

Il Codice della crisi e le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo (I)

03 Aprile 2020 | di Giorgio Orano

Concordato con continuità aziendale

Il presente articolo rappresenta la prima parte di una disamina rispetto le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo. La disciplina della procedure concorsuali è stata oggetto di numerose modifiche che hanno in particolare interessato l'istituto del concordato preventivo. In questa prima parte verranno disaminate la 'meritevolezza' quale requisito di ammissibilità del concordato preventivo, il ruolo del professionista indipendente, il ruolo del Commissario Giudiziale e gli atti in frode ed infine il ruolo del Pubblico Ministero. Seguirà una seconda puntata per ulteriori chiarimenti sul punto.

Leggi dopo

Emergenza sanitaria ed effetti economici: il concordato preventivo in continuità quale strumento per affrontare la crisi

03 Aprile 2020 | di Giuliano Buffelli, Federico Clemente

Concordato con continuità aziendale

L’emergenza sanitaria che sta coinvolgendo in modo estremamente grave l’Italia non mancherà di avere, purtroppo, conseguenze negative sul tessuto economico nazionale. Molte imprese, infatti, subiranno in primo luogo l’impatto finanziario del fermo o comunque del rallentamento produttivo in essere, nonché gli effetti di un calo di consumi che, ragionevolmente, si produrrà in diversi settori. Si impone dunque la necessità, che si conferma più che mai un dovere etico, di offrire il massimo sostegno al sistema produttivo commerciale nazionale.

Leggi dopo

I proventi della continuità, come qualsiasi surplus concordatario, non sono liberamente distribuibili

16 Marzo 2020 | di Danilo Galletti

Concordato con continuità aziendale

Di recente, e dopo che un'elaborata pronunzia della Corte distrettuale torinese aveva preso energicamente posizione a favore della tesi restrittiva sul tema della distribuibilità dei flussi della continuità nel concordato preventivo, una sentenza della Corte di Appello veneziana ha ritenuto di tornare in argomento, aderendo alla tesi “libertaria”; ha davvero voluto farlo, perché il procedimento, introdotto ai sensi dell'art. 18 l.f. si è chiuso comunque con la conferma della sentenza di fallimento; ma la Corte ha statuito anche sul punto in questione, che ben avrebbe potuto altrimenti restare “assorbito”.

Leggi dopo

Brevi spunti su concordato in continuità, aumento di capitale da parte del terzo ed esclusione del diritto d'opzione

04 Dicembre 2019 | di Renato Bogoni , Emanuele Artuso

Concordato con continuità aziendale

In tempi recenti, la prassi professionale evidenzia l'utilizzo del seguente schema per programmare concordati preventivi fondati sulla prosecuzione dell'attività aziendale: la soddisfazione dei debiti concordatari, all'esito dell'omologazione definitiva del concordato, avviene mediante l'erogazione di un'importante somma da parte di un soggetto terzo.

Leggi dopo

Il concordato in continuità tra normativa vigente e Codice della crisi

29 Novembre 2019 | di Daniele Fico

Concordato con continuità aziendale

I recenti interventi normativi hanno accentuato il favor del legislatore verso il concordato in continuità, volto ad assicurare all'azienda in crisi il reinserimento sul mercato, dopo il processo di ristrutturazione, rispetto a quello liquidatorio. L'Autore, dopo aver esaminato la disciplina speciale del concordato in continuità ed affrontato la questione concernente la riconducibilità dell'affitto di azienda all'ambito applicativo dell'art. 186-bis legge fall., analizza le novità in tema di continuità aziendale apportate dal Codice della crisi dì'impresa e dell'insolvenza.

Leggi dopo

Continuità indiretta e procedure competitive: due termini inconciliabili?

24 Ottobre 2019 | di Stefano Morri

Concordato con continuità aziendale

Nel presente contributo l'autore analizza la disciplina introdotta dal nuovo codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza in tema di concordato preventivo in continuità indiretta e ne esamina il rapporto con il sistema delle procedure competitive.

Leggi dopo

Necessario il consenso dei lavoratori nel concordato con continuità indiretta parziale

30 Settembre 2019 | di Alessandro Corrado

Concordato con continuità aziendale

Com'è noto, i diritti dei lavoratori addetti ad un'azienda o ad un ramo aziendale interessati da un'operazione che ne trasferisca in qualsiasi modo la titolarità sono tutelati dalla Direttiva 2001/23/CE, recante norme in materia di “ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti”. Il nostro paese ha avuto una relazione travagliata con le materie disciplinate dal legislatore europeo, sfociata nel 2011 in una procedura di infrazione ed in una conseguente condanna da parte della Corte di Giustizia. Il diritto interno è oggi del tutto armonizzato con quello comunitario, ma le norme del Codice della Crisi dettate in tema di continuità aziendale vanno applicate in stretta aderenza alla Direttiva, pena l'inevitabile illegittimità dei processi di ristrutturazione sotto il profilo giuslavoristico.

Leggi dopo

Aspetti critici della disciplina del concordato in continuità nel Codice della crisi

16 Agosto 2019 | di Diego Corrado

Concordato con continuità aziendale

Il contributo si sofferma su taluni aspetti critici della disciplina del concordato in continuità aziendale, come rivista dal Codice della Crisi e dell'Insolvenza. Dettata dal comprensibile intento di favorire la salvaguardia dei complessi aziendali, e con essi dei valori immateriali e dei livelli occupazionali, essa appare foriera di dubbi e potenziali conflitti in alcuni suoi aspetti essenziali. In questa sede si evidenziano casi di possibile contrasto tra le ragioni dei creditori e gli interessi dei lavoratori, e le incongruenze cui in taluni casi potrebbe dare adito la soluzione scelta in ordine al principio di “prevalenza”, per individuare la disciplina applicabile ai c.d. concordati misti. Sullo sfondo, il rischio che aspetti particolarmente sensibili della disciplina possano dare luogo a un contenzioso di non facile soluzione, o peggio aprire la strada ad abusi dell'istituto.

Leggi dopo

Pagine