Focus

Focus su Piani di risanamento

Le sopravvenienze attive derivanti dai piani attestati di risanamento

04 Aprile 2019 | di Fabio Maria Venegoni, Antonino Saccà

Piani di risanamento

Nel corso degli ultimi anni il Legislatore ha apportato plurime e rilevanti modifiche in merito al trattamento fiscale riservato alle sopravvenienze attive derivanti dalla riduzione di debiti nell'ambito delle procedure paraconcorsuali (i.e. accordi di ristrutturazione del debito e piani attestati di risanamento, rispettivamente ex artt. 182 e 67 della Legge Fallimentare).

Leggi dopo

Valutazioni di bilancio e giudizio di veridicità nelle attestazioni dei piani di risanamento: il caso delle partecipazioni di controllo

10 Ottobre 2018 | di Alberto Quagli

Piani di risanamento

Gli istituti giuridici per la risoluzione delle crisi prevedono che l’attestazione del professionista indipendente riguardi la veridicità dei dati e la fattibilità del piano. Nell’ambito delle verifiche per la veridicità dei dati vi sono molti elementi patrimoniali che richiedono un accertamento rispetto al dato nella contabilità del debitore proponente il piano. Ma il quadro di principi cui ispirarsi non è definito dalla legge, rinviando logicamente ed implicitamente alla tecnica e alla scienza aziendale.

Leggi dopo

Attestazione dei piani di risanamento: le caratteristiche soggettive dell’impresa in crisi

06 Dicembre 2016 | di Fabio Maria Venegoni

Piani di risanamento

Il Professionista incaricato per il rilascio dell’attestazione di un piano di risanamento è tenuto ad attenersi ad una scrupolosa analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria corrente e prospettica dell’impresa. Oltre alla verifica in merito alla veridicità dei dati aziendali, nella sua relazione il professionista deve attestare la fattibilità del piano di risanamento proposto dal debitore.

Leggi dopo

Piani di risanamento: l'attestazione del professionista, la motivazione, le riserve o indicazioni cautelative

08 Ottobre 2014 | di Giuliano Buffelli

Piani di risanamento

Si esamina la questione dell'attestazione, riguardante i piani di risanamento, nell'ipotesi in cui le motivazioni del professionista siano condizionate, con riserva o cumulative. La riflessione proposta parte dall'analisi dei Principi di attestazione dei piani di risanamento e delle Linee guida per il finanziamento dell'impresa in crisi. Facendo il punto anche su quanto espresso dalla giurisprudenza di legittimità, l'Autore propone le sue conclusioni sull'argomento.

Leggi dopo

Brevi note sui principi di attestazione dei piani di risanamento e ruolo del professionista

26 Settembre 2014 | di Alberto Tron

Piani di risanamento

Il documento “i Principi di attestazione dei piani di risanamento”, redatto da AIDEA-IRDCEC-ANDAF-APRI-OCRI ed approvato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili, ha fornito importanti linee guida rivolte al professionista attestatore con l'intento di fornire modelli comportamentali condivisi e accettati. Alla luce dei principi l'Autore ripercorre le fasi dell'attività svolta dal professionista attestatore per giungere al giudizio finale sul piano: partendo dalle attività strumentali si focalizza sulle modalità che il professionista deve seguire nell'operare le sue valutazioni.

Leggi dopo

Appunti brevi sulle competenze e sulle responsabilità dell'attestatore ex art. 67 l. fall.

17 Ottobre 2013 | di Simone Manfredi

Piani di risanamento

Nell'ambito delle soluzioni giudiziali per la crisi d'impresa, il primo strumento utilizzabile è quello disciplinato all'art. 67, comma 3, lett. d), l. fall.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo-bis: la redazione e l'attestazione del piano di risanamento nelle procedure di soluzione negoziale delle crisi d'impresa

28 Gennaio 2013 | di Giuseppe Savioli

Piani di risanamento

La nuova legge fallimentare, dopo le recenti riforme, si connota per un mutamento di prospettiva nella gestione della crisi d’impresa, passando da una logica liquidatoria ad una finalizzata alla conservazione dell’azienda. Assume sempre più rilevanza il ruolo del professionista chiamato ad attestare la veridicità dei dati aziendali e la fattibilità del piano di risanamento: l’Autore analizza le attività dell’attestatore e i parametri economici ai quali deve fare riferimento nella formulazione del suo giudizio prognostico.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - I piani di risanamento dopo le modifiche: hanno ancora un futuro?

03 Agosto 2012 | di Marco Terenghi

Piani di risanamento

L'istituto del piano attestato di risanamento, introdotto nel 2005 nell'ambito di un crescente favor legislativo per le soluzioni concordate delle crisi d'impresa, ha subito negli anni seguenti una serie di modifiche e, da ultimo, anche il "Decreto Sviluppo" è intervenuto sulla sua disciplina. L'Autore esamina, quindi, l'evoluzione normativa e le caratteristiche specifiche dell'istituto, in un quadro comparativo con figure affini, come gli accordi di ristrutturazione dei debiti e il concordato preventivo, evidenziando come il piano attestato sia diventato sempre meno appetibile per l'imprenditore. Vengono esposti, infine, ragionevoli interrogativi sull'evoluzione futura del piano attestato, anche alla luce delle novità introdotte dal Decreto Sviluppo.

Leggi dopo