Focus

Focus su Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

La transazione fiscale impedisce nuovi accertamenti del fisco

03 Luglio 2015 | di Giulio Andreani

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

L'Autore fornisce un utile contributo al dibattito in ordine al potere del Fisco di eseguire nuovi accertamenti successivamente al perfezionamento della transazione fiscale, la cui disciplina è contenuta all'art. 182-ter l. fall. Partendo da quanto affermato dall'Agenzia delle Entrate nella circolare 40/E del 2008 (nella quale si ammette la possibilità di un simile controllo da parte dell'Agenzia stessa), l'analisi si sposta sugli orientamenti dottrinali sviluppatisi in materia e su quanto affermato dalla giurisprudenza: in particolare dalla Commissione Tributaria della Regione Lombardia con la sentenza 5485/14, la quale ha fornito importanti ed ulteriori considerazioni in ordine alla corretta interpretazione della locuzione “consolidamento del debito fiscale”.

Leggi dopo

La falcidiabilità dell'IVA nel concordato preventivo senza transazione fiscale: tesi a confronto, dopo la sentenza della Corte Costituzionale

13 Novembre 2014 | di Giulio Andreani

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

La falcidiabilità dell'IVA nel concordato preventivo è un argomento oggetto di ampio dibattito. Sul tema è di recente intervenuta anche la Corte Costituzionale con lasentenza 24 luglio 2014, n. 225, che tuttavia non ha ancora risolto la questione. L'Autore esamina, con occhio critico, le differente tesi sostenute sul tema apportando egli stesso un contributo alla questione.

Leggi dopo

Ancora sull'Iva e le ritenute nel concordato preventivo senza transazione fiscale

26 Novembre 2013 | di Giulio Andreani

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Alcune recenti pronunce dell'Autorità Giudiziaria (Trib. Milano, 28 - 29 maggio 2013, Trib. Cosenza, 29 maggio 2013, Trib. Brescia, 5 - 11 giugno 2013, Trib. Campobasso, 29 - 31 luglio 2013 e App. Genova. 10 - 27 luglio 2013) e taluni approfondimenti dottrinali (Lamanna, Graduazione tra iva, ritenute fiscali e altri privilegi generali nel concordato in caso di incapienza dei beni su cui farli valere, in ilFallimentarista.it) confermano che quella della falcidiabilità dei debiti erariali inerenti all'IVA e alle ritenute fiscali operate e non versate, nel concordato preventivo non assistito da transazione fiscale, costituisce una querelle ancora viva.

Leggi dopo

Falcidia dell'IVA e delle ritenute: quando è ammissibile la proposta di concordato preventivo

24 Ottobre 2013 | di Renato Portale, Giuseppe Acciaro

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Gli Autori si occupano dei profili fiscali nel concordato preventivo, con particolare riferimento alla falcidia dell’IVA, fornendo una risposta al seguente quesito: se si ritiene comunque ammissibile la proposta di concordato che contiene una proposta di falcidia dell’IVA e delle ritenute, quale sarebbe per il debitore il vantaggio ad attivare anche il sub procedimento della transazione fiscale, considerato che in tal frangente ne conseguirebbe un maggior onere derivante dalla obbligatorietà del pagamento integrale del credito?

Leggi dopo

Transazione fiscale: questioni aperte alla luce dei più recenti orientamenti di giurisprudenza e amministrazione finanziaria

07 Dicembre 2012 | di Giulio Andreani

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Nonostante la sua breve “vita”, la transazione fiscale è stata oggetto di numerose modifiche legislative, nessuna delle quali, tuttavia, è risultata idonea a risolvere le principali questioni interpretative sorte dalla sua introduzione, derivanti dal corretto inquadramento del rapporto intercorrente tra tale istituto e la procedura di concordato preventivo.

Leggi dopo

La transazione fiscale secondo l'Agenzia delle Entrate

11 Aprile 2012 | di Rosanna Acierno

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

L'Autrice, dopo aver qualificato le disposizioni complessivamente introdotte dall'art. 182-ter l. fall. come derogatorie al principio generale dell'indisponibilità del credito tributario, analizza la transazione fiscale imperniando il suo esame sulla posizione assunta dall'Agenzia delle Entrate sugli aspetti più squisitamente procedimentali e, soprattutto, sul tema specifico dell'obbligatorietà o facoltatività dell'istituto, non mancando di considerare lo stato della dottrina e della recente giurisprudenza di legittimità sul punto.

Leggi dopo

La transazione fiscale ex art. 182-ter l. fall. in una recente pronuncia della Cassazione: contribuenti allegri … ma non troppo

05 Gennaio 2012 | di Marco Maria Aiello, Stefano Ambrosini

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

La transazione fiscale, che mira all'ottenimento del consolidamento di cui all'art. 182-terl. fall., costituisce una semplice facoltà del debitore e non è presupposto indispensabile per la falcibiabilità dei crediti erariali, in quanto la regola in base alla quale il concordato omologato è obbligatorio per tutti i creditori non prevede eccezioni per il Fisco. La previsione circa l'intangibilità dell'imposta sul valore aggiunto ha carattere sostanziale e la sua applicazione non può essere rimessa alla volontà del debitore, sicché essa opera anche in assenza di transazione fiscale.

Leggi dopo

Pagine