Focus

Focus

Effetti della liquidazione giudiziale sul contratto di locazione di immobili

29 Maggio 2020 | di Girolamo Lazoppina

Liquidazione giudiziale

Il tema degli effetti del fallimento sul contratto di locazione di immobili è stato da sempre molto dibattuto, tanto che il legislatore è dovuto intervenire a più riprese per modificare la norma che lo disciplina. L'autore analizza l'argomento alla luce delle novità introdotte dal nuovo Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza.

Leggi dopo

Contratto di consorzio, partecipazione consortile, RTI e disciplina del contratto pendente. Le ragioni di una riflessione

26 Maggio 2020 | di Roberto Marinoni

Consorzi e società consortili

Aperta una procedura concorsuale, la partecipazione consortile che faccia capo all'impresa fallita viene vista, ora come asset per il suo valore, ora come effetto/risultato di un contratto pendente. È appunto la vicenda contrattuale, in unione alla nozione concorsuale di pendenza, che determina la necessità di alcune riflessioni che scavino oltre la superficie del fenomeno così da pervenire a conclusioni coerenti con il sistema: conclusioni suscettibili di estensione, attesa la analogia di situazione, al negozio costitutivo del RTI.

Leggi dopo

Relazioni sindacali al tempo del Covid-19: l'azienda in crisi non resta immune

22 Maggio 2020 | di Riccardo Girotto

Rapporti di lavoro pendenti nel CCI

Alla luce della progressione normativa sviluppatasi negli ultimi mesi di emergenza epidemiologica, urge approfondire il riflesso delle novelle sugli aspetti occupazionali riferiti alle aziende in stato di crisi, più o meno profonda. Offuscata la via d'accesso al nuovo Codice della crisi d'impresa, con un posticipo cospicuo che profuma di sine die, le aziende in difficoltà si vedono altresì private dall'art. 10 del DL 23/2020 dei mezzi concorsuali usualmente disponibili. Le situazioni di crisi per tabulas vedranno la concentrazione del focus sullo sviluppo delle relazioni sindacali, investite dal Governo del ruolo fondamentale, oltre che obbligatorio, di vero garante dei passaggi necessari a superare le difficoltà connesse al confronto Covid 19-rapporto di lavoro.

Leggi dopo

Il sostentamento del sovraindebitato nel decreto di apertura della liquidazione del patrimonio: limiti di pignorabilità

20 Maggio 2020 | di Marina De Cesare

Sovraindebitamento

Nel decreto di apertura della procedura di liquidazione del patrimonio, il giudice deve fissare i limiti del sostentamento del debitore di cui all'art. 545 c.p.c., che non possono essere ampliati in misura più favorevole per i creditori e più sfavorevole per il debitore. Il Giudice ha sì la facoltà di determinare quanto necessario al mantenimento del debitore, ma solo in aumento rispetto alle proporzioni fissate dall'art. 545, c.p.c..

Leggi dopo

I doveri reattivi dell'imprenditore sotto l'Impero CoVid-19 e l'obbligo di non arrendersi

15 Maggio 2020 | di Danilo Galletti

Crisi d'impresa e insolvenza

Il D.L. n. 23/2020 (c.d. Decreto Liquidità) ha introdotto, com'è noto, diverse disposizioni che derogano a norme del diritto societario (artt. 6-7-8). Sulla ratio e sugli effetti complessivi di tale intervento mi sono già soffermato di recente (Il diritto della crisi sospeso e la legislazione concorsuale in tempo di guerra, in www.ilFallimentarista.it): non vi è dubbio, a mio parere, che la scelta di non discriminare a sufficienza, ed in modo chiaro, fra imprese già dissestate prima della pandemia, imprese pregiudicate dalle conseguenze della crisi CoVid, ed infine imprese la cui efficienza non è stata compromessa, sia il frutto di una scelta politica discutibile e potenzialmente molto dannosa.

Leggi dopo

Il risarcimento del danno a seguito della violazione dell'obbligo di offerta pubblica di acquisto totalitaria

13 Maggio 2020 | di Girolamo Lazoppina

Offerte pubbliche di acquisto e di scambio

Il Decreto Competitività (L. n. 116/2014), modificando chirurgicamente il Testo Unico della Finanza, ha introdotto rilevanti novità in tema di società quotate in borsa contemplando, tra l'altro, la possibilità che queste possano prevedere, nei loro statuti, la maggiorazione dei diritti di voto. In conseguenza di ciò l'obbligo di offerta pubblica d'acquisto scatta, oltre che per il caso di acquisti che comportino una partecipazione superiore al trenta per cento, anche quando a seguito di maggiorazione dei diritti di voto si venga a disporre di diritti di voto in misura superiore al trenta per cento dei medesimi. L'autore analizza l'istituto dell'offerta pubblica d'acquisto totalitaria obbligatoria soffermandosi sull'aspetto risarcitorio legato alla violazione degli obblighi ad essa connessi.

Leggi dopo

Il ‘destino' della proprietà intellettuale nelle procedure concorsuali

12 Maggio 2020 | di Mariacarla Giorgetti

Finanziamenti nelle procedure concorsuali

Il rapporto tra regole della proprietà intellettuale e nuove procedure concorsuali si rivela assai articolato, dovendosi rispondere a diverse esigenze e variegate fattispecie. In generale, l'attenzione sarà qui concentrata sull'ipotesi in cui, al momento dell'apertura della liquidazione giudiziale, nel patrimonio da liquidarsi siano presenti diritti di proprietà intellettuale, di cui l'imprenditore sia il titolare. Basti pensare ai diritti patrimoniali che scaturiscono da marchi registrati e degli altri segni distintivi, dai brevetti, dai modelli e disegni industriali, dal know-how, dai diritti di autore e dai diritti ad essi connessi.

Leggi dopo

Avvio della fase B: accelerazione dei procedimenti finalizzati alla distribuzione di liquidità ai creditori

08 Maggio 2020 | di Diana Burroni

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

In un contesto in cui ciascun comparto della società civile e, in definitiva, ciascuno di noi si interroga su quale sia il proprio ruolo specifico nella c.d. fase B, quella che cioè dovrebbe traghettarci verso la ritrovata normalità in un tempo auspicabilmente breve, la Sezione Fallimentare del Tribunale di Milano, in data 15 aprile 2020, ha diramato una Circolare contenente “Linee Guida di Comportamento”* per la gestione delle attività giudiziarie che la riguardano, sino al 30 giugno 2020.

Leggi dopo

Effetti del D.L. n. 23/2020 sulla materia concorsuale

07 Maggio 2020 | di Donatella Perna

Crisi d'impresa e insolvenza

A fronte dell'emergenza epidemiologica in atto e del blocco delle attività produttive, è evidente il ruolo cruciale della normativa dedicata alla crisi d'impresa. Al riguardo, una decisa raccomandazione a tutti i legislatori europei è provenuta dal Comitato esecutivo di CERIL (Conference of European Restructuring and Insolvency Law) che lo scorso 20 marzo ha reso pubblico sul proprio sito internet un documento in cui esprime significative preoccupazioni relative all'idoneità (o meno) della normativa europea e di quella dei singoli stati nazionali a fronteggiare la presente situazione di crisi, auspicando quindi l'immediata adozione di provvedimenti volti, in primo luogo, a sospendere obblighi e termini di presentazione delle domande di accesso ad una procedura concorsuale, con relativa irresponsabilità degli imprenditori ed indipendentemente dall'effettiva prova della dipendenza dello stato di crisi dalla situazione straordinaria in atto; in secondo luogo, a far fronte alla crisi di liquidità non solo con interventi diretti (ciò anche in deroga al generale divieto di aiuti di stato ovvero mediante l'acquisto straordinario di titoli effettuato dalla BCE, oltre all'annunciato Pandemic Emergency Purchase Programme per 750 miliardi di euro), ma anche con una moratoria generalizzata delle azioni esecutive contro le imprese insolventi (nella direttiva UE 1023/2019 agli art. 6 e 7 è appunto concessa la possibilità di una sospensione delle azioni esecutive individuali). In questa direzione si sono già mossi diversi legislatori europei, come Svizzera e Spagna. Altri si stanno muovendo come Francia e Regno Unito.

Leggi dopo

Il Decreto Liquidità e il falso mito della continuità aziendale

05 Maggio 2020 | di Remo Tarolli

Crisi d'impresa e insolvenza

Il Legislatore dell’emergenza è intervenuto tra le altre, su talune disposizioni fondamentali in ambito concorsuale e societario con lo scopo di creare condizioni di favore per il permanere della continuità aziendale di molte imprese colpite dall'arresto della produzione. In particolare, ha previsto, all’art. 7 del cd. Decreto Liquidità, la sospensione del primo principio di redazione del bilancio di cui all’art. 2423 bis c.c., consentendo la valutazione delle voci nella prospettiva della continuità aziendale se sussistente al 23 febbraio 2020. Vengono evidenziate le criticità e i rischi che tale norma potrebbe recare con sè e suggerite le possibili soluzioni.

Leggi dopo

Pagine