Focus

Focus

Bancarotta documentale fraudolenta e semplice: somiglianze e (spesso trascurate) differenze

28 Dicembre 2016 | di Ciro Santoriello

Reati fallimentari

Analogamente a quanto previsto con riferimento all'ipotesi di bancarotta patrimoniale anche per la bancarotta documentale il Legislatore differenzia il trattamento sanzionatorio da riservare a variegate forme di inidonea tenuta delle scritture contabili da parte dell'imprenditore.

Leggi dopo

Il conflitto d'interessi tra creditori nel concordato preventivo e fallimentare

19 Dicembre 2016 | di Stefano Morri, Francesca Giovannardi

Conflitto d'interessi

Il conflitto di interessi tra creditori nel sistema concordatario è da sempre oggetto di acceso dibattito giurisprudenziale e dottrinale. La normativa fallimentare non prevede disposizioni specifiche volte a tipizzare e regolamentare l’istituto, diversamente da quanto accade in ambito societario.

Leggi dopo

(In)attualità dell’intangibilità dell’IVA nella transazione fiscale

13 Dicembre 2016 | di Alessandro Benussi

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

La decisione della Corte di Lussemburgo, destituendo di fondamento quanto sostenuto nei recenti arresti della Corte di Cassazione e della Corte Costituzionale, induce a confermare la falcidiabilità dell’IVA nel concordato preventivo, in linea con la dottrina e la giurisprudenza di merito maggioritarie. Su tale presupposto, ci si chiede se possa essere revocata in dubbio anche l’intangibilità dell’IVA prevista espressamente dal legislatore nazionale nel caso della transazione fiscale.

Leggi dopo

Attestazione dei piani di risanamento: le caratteristiche soggettive dell’impresa in crisi

06 Dicembre 2016 | di Fabio Maria Venegoni

Piani di risanamento

Il Professionista incaricato per il rilascio dell’attestazione di un piano di risanamento è tenuto ad attenersi ad una scrupolosa analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria corrente e prospettica dell’impresa. Oltre alla verifica in merito alla veridicità dei dati aziendali, nella sua relazione il professionista deve attestare la fattibilità del piano di risanamento proposto dal debitore.

Leggi dopo

Concordato preventivo inadempiuto ma non risolto e successivo fallimento

01 Dicembre 2016 | di Filippo Rasile

Concordato preventivo: disciplina generale

Oggi, dopo la “stagione dei concordati preventivi” (forse anche a causa dell’abuso che si è fatto di tale istituto), ci si trova sempre più frequentemente dinanzi a concordati omologati che non riescono ad essere eseguiti dal debitore o dal liquidatore giudiziale. Concordati omologati che spesso non vengono risolti perché manca l’iniziativa dei creditori (unici legittimati dal tenore letterale del primo comma dell’art. 186 l. fall.).

Leggi dopo

Sospensione del pagamento dei corrispettivi d’appalto in assenza o irregolarità del DURC

25 Novembre 2016 | di Iacopo Annese, Daniele Colangelo, Rocco Cuda

DURC e procedure concorsuali

La disciplina della responsabilità solidale che grava sul Committente in materia di appalti è tradizionalmente fonte di svariate problematiche di tutt’altro che agevole soluzione. S’intendono qui esaminare, in particolare, le questioni che si pongono al sopraggiungere di una procedura concorsuale a carico dell’appaltatore, specie con riferimento al pagamento dei crediti maturati nell’ambito del contratto di appalto e sorti anteriormente alla procedura.

Leggi dopo

Osservazioni sui progetti di legge di riforma dell’amministrazione straordinaria

16 Novembre 2016 | di Filippo Lamanna

Amministrazione straordinaria: disciplina generale

Il presente contributo è frutto dell’Audizione dell’11 novembre 2016 del Presidente Lamanna presso la Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo (X Commissione) della Camera dei Deputati, relativa ai progetti di legge C.865 Abrignani e C.3671-ter del Governo, in materia di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in stato di insolvenza.

Leggi dopo

I presupposti per l’azione di annullamento nel concordato preventivo

08 Novembre 2016 | di Massimo Mastrogiacomo

Risoluzione e annullamento del concordato

La recente pronuncia della Suprema Corte n. 18090 del 14 luglio 2016 in tema di annullamento della proposta di concordato preventivo sembra aprire nuovi orizzonti sulla (in)stabilità della sua esecuzione durante la fase post omologa, tanto da imporre, forse, una rilettura sistematica dell’intero istituto.

Leggi dopo

Concordato liquidatorio e impresa confiscata: primi spunti di riflessione

04 Novembre 2016 | di Alessandro Messina

Concordato con cessione dei beni

Uno dei primi provvedimenti giurisprudenziali aventi ad oggetto l’insidioso tema dei rapporti tra concordato preventivo e misure di prevenzione patrimoniali antimafia è la pronuncia del Tribunale di Marsala, sez. Civile, 10 giugno 2014. Essa, peraltro, offre lo spunto per interrogarsi sulla funzione che una procedura concorsuale liquidatoria (quale è il concordato preventivo con cessione dei beni) potrebbe avere quando l’intero patrimonio dell’imprenditore sia sottoposto ad un provvedimento ablativo di prevenzione.

Leggi dopo

La revocabilità della scissione societaria

31 Ottobre 2016 | di Simone Marzo

Scissione d'azienda

In assenza di norme espresse e di indicazioni della Suprema Corte, l’ammissibilità dell’azione revocatoria (tanto ordinaria quanto fallimentare) contro l’atto di scissione societaria è molto dibattuta, sia in dottrina sia nella giurisprudenza di merito, come dimostrano alcune recenti pronunce aventi ad oggetto domande revocatorie ex art. 2901 c.c. e art. 66 l. fall. contro atti di scissione. L’attualità del dibattito è testimoniata da alcune recenti pronunce aventi ad oggetto domande revocatorie ex art. 2901 c.c. e art. 66 l. fall. contro atti di scissione societaria: per l’accoglimento della domanda, si è pronunciato il Tribunale di Venezia nella sentenza del 5 febbraio 2016; per l’inammissibilità delle stesse, si sono invece espressi il Tribunale di Forlì e quello di Bologna, nelle sentenze rispettivamente del 4 febbraio 2016 e del 1° aprile 2016.

Leggi dopo

Pagine