Focus

Focus

L'anticipazione della c.d. protezione negli accordi di ristrutturazione: caratteri e criticità

30 Novembre 2011 | di Federico Rolfi

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

Si analizza la fase dell'anticipazione della c.d. “protezione” nell'ambito degli accordi di ristrutturazione; approfondendo, in particolare, alcuni profili quali l'ambito di applicazione, il contenuto concreto della tutela, il procedimento finalizzato alla concessione della stessa. Si esaminano, inoltre, gli ancora più problematici profili dell'eventuale sopravvenuta inefficacia della misura protettiva e della violazione della medesima da parte dei singoli creditori.

Leggi dopo

C.I.G. concorsuale e doveri del curatore

30 Novembre 2011 | di Antonio Caiafa

Cassa Integrazione Guadagni

La richiesta di accesso alla C.I.G. concorsuale non è un optional, e quindi va effettuata dal curatore, in presenza dei relativi presupposti soggettivi ed oggettivi, anche senza richiedere al Giudice Delegato una specifica autorizzazione.

Leggi dopo

Tre questioni in tema di concordato: abuso del diritto nella formazione delle classi, atti di frode e legittimazione del liquidatore giudiziale all’azione di responsabilità

24 Novembre 2011 | di Marco Maria Aiello

Classi e categorie di creditori

Alcune tematiche di grande interesse in materia di concordato preventivo sono state affrontate dai giudici milanesi in una recente pronuncia (Trib. Milano, sez. II, 19 luglio 2011). L’autore, muovendo dalla fattispecie oggetto della decisione del Tribunale, esamina, alla luce degli orientamenti giurisprudenziali e dottrinali, le delicate questioni relative all’abuso del diritto nella formazione delle classi ed alla qualificabilità delle condotte depauperative anteriori al deposito della domanda e sottaciute in sede di ricorso quali atti di frode; viene analizzato, infine, il profilo della sussistenza o meno della legittimazione, per il liquidatore giudiziale, a proporre azione di responsabilità verso gli amministratori della società debitrice.

Leggi dopo

Non si vive di sola revocatoria: piccolo manuale di sopravvivenza per il “nuovo” curatore fallimentare

23 Novembre 2011 | di Danilo Galletti

Azione revocatoria fallimentare

Il nuovo diritto fallimentare ha molto limitato l'efficacia della revocatoria come strumento per il rifinanziamento degli attivi concorsuali. Le Curatele devono acquisire pertanto nuove professionalità, al fine di utilizzare al meglio gli strumenti offerti dal diritto comune e civile. La disciplina imperativa del mutuo fondiario, se correttamente applicata nell'ambito delle verifiche fallimentari del passivo, può condurre alla sterilizzazione dei privilegi ipotecari acquisiti dalle banche in forme patologiche, che altrimenti sono praticamente irrevocabili. Allo stesso modo, un attento esame da parte del Curatore delle modalità con cui la banca abbia rifinanziato il debitore, “convertendo” un'esposizione chirografaria in privilegiata, può spesso condurre a sanzionare l'abuso del creditore con la “disattivazione” della causa di prelazione. Tali strumenti possono agire come complemento e in modo convergente con le azioni risarcitorie, esperibili contro il finanziatore per aver colpevolmente ed artificialmente protratto la vita dell'imprenditore ormai decotto attraverso una erogazione di credito illegittima. Allo stesso modo, un attento scrutinio delle forme e delle modalità attraverso le quali si sia manifestata la “ingerenza” del finanziatore nella vita e nella gestione dell'impresa, può condurre all'emersione di pretese risarcitorie connesse alla responsabilità da lui assunta come amministratore di fatto, per abusiva direzione e coordinamento. Per finire, un'interpretazione “evolutiva” del sistema revocatorio può forse portare alla luce spazi di intervento più ampi di quanto si potrebbe pensare, agendo sulla permanenza della “consecuzione”, a date condizioni, fra concordato preventivo e fallimento; sulla possibilità di “retrodatare” altrimenti il periodo sospetto quando l'istruttoria prefallimentare comporti l' “anticipazione” di taluni effetti caratterizzanti dell'apertura del concorso; sulla sterilizzazione di talune “esenzioni” dalla revocatoria quando difettino in realtà i presupposti logici su cui le stesse si fondano.

Leggi dopo

Crisi delle imprese, ristrutturazione del debito e informativa di bilancio. Il nuovo principio contabile dell’Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

23 Novembre 2011 | di Alberto Tron

Bilancio d'esercizio

L’Organismo Italiano di Contabilità (OIC) ha emesso, nel luglio 2011, il nuovo principio contabile OIC-6 “Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio” con lo scopo di definire il trattamento contabile e l’informativa integrativa da fornire nel bilancio del debitore, in merito agli effetti prodotti da un’operazione di ristrutturazione del debito.

Leggi dopo

Orientamenti (e disorientamenti) della Cassazione in tema di concordato: la cognizione del tribunale in sede di omologa

11 Novembre 2011 | di Silvia Giani

Omologazione della proposta di concordato

Il ruolo del Tribunale nel procedimento di concordato preventivo è essenziale in tutte le sue fasi perché il concordato preventivo ha la peculiarità di produrre effetti esdebitatori nei confronti di tutti i creditori e non solo di quelli che l’hanno approvato. In sede di omologazione il tribunale deve controllare, anche in assenza di opposizioni, l’assenza degli atti di frode e la persistenza delle condizioni di ammissibilità alla procedura, tra le quali va ricompresa la fattibilità. L’art. 173 l. fall., applicazione in ambito concordatario del principio di buona fede, delinea i poteri immanenti d’intervento del giudice, che possono esercitarsi in ogni momento e quindi anche nel giudizio di omologazione.

Leggi dopo

Legittimità e bilanciamento di interessi

11 Novembre 2011 | di Giorgio Jachia

Accertamento del passivo

Nella giurisprudenza di legittimità, tanto con riferimento al fallimento quanto in relazione al concordato preventivo, si rinvengono talvolta infelici espressioni come “… il ruolo ritagliato per il giudice ...” e talaltra riferimenti al ruolo essenziale - letteralmente “… non ancillare …” - del Collegio Fallimentare per bilanciare contrapposte espressioni dell’autonomia privata e per tutelare anche l’interesse pubblico. L’autore segnala la sentenza in cui si è attribuito al Giudice Delegato il compito discrezionale di bilanciare l’istanza di rinvio dell’udienza prefallimentare con gli altri interessi coinvolti e quella in cui si attribuisce al Collegio Fallimentare il compito di prevenire l’apertura di procedure di concordato preventivo palesemente votate all’insuccesso.

Leggi dopo

Contratti derivati e usura: impatti e conseguenze in procedure concorsuali

11 Novembre 2011 | di Laura Filippi, Roberto Baviera

Usura

I contratti derivati possono presentare numerose criticità. In questo breve intervento se ne evidenzia una specifica, che si presenta spesso nelle complesse operazioni di ristrutturazione del derivato. Dietro ad una semplice modificazione contrattuale del derivato può essere celato un finanziamento concesso a tassi usurari. Tale aspetto assume particolare interesse anche per il Curatore, sia nella fase di predisposizione dello stato passivo ex art. 95 l .fall. , sia nella fase di valutazione di eventuali azioni recuperatorie dell’attivo, sia in quella di trasmissione al P.M. di notizie e fatti penalmente rilevanti all’interno dell’informativa ex art. 33 l. fall. Di analogo interesse, e per simili motivazioni, laddove applicabili, lo è per il commissario giudiziale e per il liquidatore giudiziale di un concordato preventivo.

Leggi dopo

Pagine